Juventus, “Caso Suarez”: spunta anche un terzo indagato per corruzione

| 27/09/2020 10:59

Spunta anche un altro terzo indagato per corruzione nella vicenda dell’esame truffa di italiano riguardante Luis Suarez all’Università per Stranieri di Perugia.

calciomercato juventus suarez

(www.gettyimages.it)

Si tratta del Professor Rocca

Per il “Caso Suarez” è uscito fuori un terzo indagato: il professor Lorenzo Rocca. Quest’ultimo era nella commissione d’esame dell’Università per Stranieri che ha promosso l’uruguaiano, con tanto di diploma finale consegnato subito dopo. Fino ad oggi i presunti corrotti erano solamente due: la Rettrice Giuliana Grego Bolli ed il direttore generale Simone Olivieri. Raffaele Cantone, capo della Procura di Perugia, ha esaminato il caso e si è reso conto che la stessa Juventus (sempre per facilitare in tempi brevi l’esame per l’ex blaugrana), avrebbe prospettato di inviare in futuro alcuni ragazzi del settore giovanile in quella Università. In modo che anche loro seguissero dei corsi di italiano. Dalle intercettazioni infatti c’è chi dice testuali parole: “C’è un accordo, ci mandano quelli della Primavera“. Rocca è stato inserito nel registro degli indagati per corruzione. Anche perché senza il consenso dell’esaminatore, il test non poteva essere pilotato. Dalle intercettazioni manca sempre il corruttore. Non ci sono ancora prove per identificarlo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Caso Suarez”, la Juventus dichiara: “Noi estranei ai fatti”

Avvocato Innamorati: “Ha fatto solo quello che le hanno ordinato

Nelle intercettazioni, si sente il Professor Rocca, insieme all’impiegata Cinzia Campagna (indagata per falso e già interrogata), discutere della preparazione del diploma di superamento dell’esame. I finanzieri, grazie alle microspie messe nell’Ateneo, hanno sentito un “Mettigli 3,3,3 e 3” (3 sarebbe il voto più basso). L’avvocato della Campagna, Giuseppe Innamorati, ha rilasciato un’intervista dichiarando che la sua assistita doveva fare il certificato, ma non sapeva a cosa sarebbe servito. Al pm ha spiegato di aver fatto solamente tre quarti del certificato, il resto è stato firmato da altre persone. “Ha fatto solamente il suo dovere” conclude il suo avvocato.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, caso Suarez: indagini fermate sull’esame farsa

cuadrado juventus

(www.gettyimages.it)

Pochi giorni fa anche Cuadrado ha effettuato l’esame di italiano, ma…

Ricapitolando: Suarez arriva a Perugia con un aereo privato. Si reca all’Università per svolgere l’esame di italiano. Lo finisce in 12 minuti e successivamente riceve il diploma che era stato preparato due giorni prima. I finanzieri del Nucleo di Polizia Economica hanno avuto dei sospetti anche perché lo stesso Ateneo ha rilasciato subito il diploma (oltre ad avere dubbi su come è stata svolta la prova). Anche perché per sapere il risultato finale occorrono che passino delle settimane. Come succederà a Juan Cuadrado. Perché? Il centrocampista bianconero, pochi giorni fa, ha svolto anche lui l’esame di italiano per ottenere il passaporto comunitario. A differenza del suo collega, però, lo ha svolto nell’Università per Stranieri di Siena e dovrà aspettare dai 20 ai 40 giorni per sapere se l’avrà superato e quale sia il voto finale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Juventus, caso Suarez: Paratici nominato nelle intercettazioni

 


Continua a leggere