FIGC, una poltrona per due. Abodi sfida Tavecchio

| 06/03/2017 08:05

Si sceglie il presidente della FIGC

Oggi la FIGC potrebbe avere un nuovo presidente. Andrea Abodi sfida Carlo Tavecchio, e non è detto che il risultato sia scontato come si crede. I duellanti per la poltrona di “capo del calcio italiano” hanno entrambi pregi e difetti. Scopriamoli insieme.

Tavecchio è uno che ha dimostrato di saper fare i fatti. Tutt’altro che semplice predicatore del “si deve fare”, lui non si è limitato ad indicare la via. Ha introdotto la Goal Line Technology, ad esempio. Ma anche molto altro. Sue le intuizioni sulle regole di sostenibilità economiche, così come il sistema delle licenze nazionali e le rose di Serie A ridotte e indirizzate ai giovani talenti. A sua detta, “ora l’Italia conta di più anche in FIFa e nella UEFA”. La medaglia che si è appuntato sul petto? L’appoggio di Andrea Agnelli, il più scettico al momento della sua elezione.

Abodi, è uno che a fatto benissimo da presidente di B. Vuole recuperare e riproporre chi ha fatto la storia del calcio italiano. Gli Albertini, Baggio, Gentile, ad esempio. Si batte poi per un calcio trasparente, moderno, le cui istituzioni sappiano dialogare. Inoltre, vorrebbe introdurre un rating per i club e le squadre di B, così come accade in Spagna.
Il fatto che la serie A abbia ufficializzato l’endorsement di 15 club per Tavecchio – anche se Abodi rilancia sostenendo di aver avuto altri segnali – sposta l’urna in favore del presidente uscente. Alla vigilia, Tavecchio ha dalla sua la Lega Dilettanti (34% dei voti) gli allenatori (10%) e 15 club di A (9 %) e una decina di B (2,5%). Fatti due conti, circa il 54-55% dei votanti. Abodi conta di erodere voti nelle roccaforti tavecchiane e sull’appoggio della LegaPro (17%), i calciatori (20%) mezza B (2,5%) e un quarto della serie A (3%), oltre agli arbitri (2%) che in terza battuta di voto potrebbero scegliere lui, alla fine. La carta dice Tavecchio favorito ma, attenzione, perchè l’urna, si sa, è tutt’altra cosa.

(fonte: La Nazione)


Continua a leggere