Napoli, Gattuso: “Ottima partita, abbiamo pagato un blackout. Mi brucia tanto”

| 08/08/2020 23:34

Il Napoli di Gennaro Gattuso esce con le ossa rotte dal Camp Nou contro il Barcellona: l’allenatore azzurro ha analizzato la gara ai microfoni di Sky Sport.

Napoli Gattuso

Barcellona-Napoli, Gattuso: “Rimpianti ci sono, bella partita”

Deluso e amareggiato per la sconfitta, soprattutto per aver visto un ottimo Napoli. Gennaro Gattuso, ai microfoni di Sky Sport.

“Rimpianto grande, abbiamo avuto mezz’ora di blackout. Da rivedere il primo gol, ma abbiamo preso tre gol incredibili. Ma adesso è facile parlare degli arbitri. Al di là degli errori ho visto un’ottima squadra, abbiamo messo in difficoltà il Barcellona. Potevamo fare due gol nei primi 10′. Prendere gol da angolo dal Barcellona mi fa rabbia. Alleno giocatori giovani forti, per diventare campioni ci serve uno step in più, lo stesso che chiedo da mesi”.

Difficoltà?Dovevamo marcare in un certo modo. Abbiamo pagato il lavoro in fase di prevenzione. Oggi potevamo vincere. Loro non stavano benissimo, si vedeva che non giocavano da 19 giorni“.

Saluto con Setien?Sono cose nostre, lo seguivo da tempo. Penso sia uno degli allenatori con una metodologia molto importante. Siamo amici da tempo, vediamo il calcio in maniera simile su alcuni punti di vista“.

CLICCA QUI PER RESTARE AGGIORNATO SU TUTTE LE NEWS DI MERCATO

Le differenze secondo Gattuso

Barcellona fa la differenza con i singoli?Quando guadani 15 milioni netti e vali 200 milioni, i valori ci sono. Si è detto che giocavano con le riserve, io non le ho viste. Oggi la differenza l’hanno fatta i singoli. Per questo ringrazio il Presidente che mi fa allenare giocatori giovani e forti che, però, devono crescere. Non puoi permetterti di venire qua e addormentarti per mezz’ora“.

Mancanza di fisicità in area di rigore?I primi 10′ non uscivano dalla metà campo, poi ci hanno messo in difficoltà. Secondo me noi crossiamo davvero poco, anche per via della statura dei nostri, cerchiamo più il primo palo. Poi con Milik la cosa è un po’ cambiata“.

Cos’è mancato?Potevamo palleggiare meglio, soprattutto nello stretto. Abbiamo peccato nei concetti difensivi e nelle uscite. E’ lì che mi arrabbbio. I problemi sono nati soprattutto nel primo tempo“.

Errore di Koulibaly?Sono anni che non fanno il possesso palla come oggi, sono anni che non tiran così poco in porta. Ci sta che gli lasci qualcosa perché sono campioni, ma è proprio quando sbagli che ti fanno male. Non è facile giocare con questi. Mi brucia perché si poteva fare oggi“.


Continua a leggere