Serie A, Parma e Spal non raccolgono l’invito: niente allenamenti

| 01/05/2020 17:00

Il presidente della Regione Emilia Romagna Bonacini ha dato il via libera, per quanto riguarda il proprio territorio, agli allenamenti in gruppo. Parma, Sassuolo, Spal e Bologna sembravano poter beneficiare di tale agevolazione, ma già due squadre si sono tirate fuori.

Serie A, il Parma di rifiuta di tornare a lavoro da solo

Prima il Parma. Attraverso l’ANSA si apprendere come i ducali siano sì disponibili a tornare in campo e giocare, ma non da soli. Gli ambienti del centro sportivo saranno sanificati e tutto sarà pronto qualora arriverà l’ok per tutti, ma ci si ritroverà insieme per allenarsi soltanto quando arriverà un protocollo condiviso. E la condivisione dovrà essere massima: non solo lega, squadre, medici o figc, ma lo stesso Governo, che avrà ovviamente l’ultima parola sulla ripresa del campionato.

parma spal

Anche la SPAL si tira fuori

A comunicare la posizone del club è la stessa società, con un comunicato apparso sul proprio sito ufficiale. “L’attività della prima squadra biancazzurra rimarrà sospesa in attesa del protocollo sanitario e delle norme sulla definizione di ripresa delle competizioni sportive“, si legge sul sito ufficiale del club. Anche in questo caso, la motivazione è da riscontrare nella volontà di aspettare la ratifica del protocollo da parte del comitato medico-scientifico. In attesa di capire le decisioni di Sassuolo e Bologna, l’impressione è che l’ordinanza di Bonacini non abbia sortito l’effetto richiesto, almeno per quanto riguarda il mondo del calcio.

torino-spal

 


Continua a leggere