Coronavirus Italia, nuove possibili riaperture a partire dal 20 aprile

| 16/04/2020 10:30

Coronavirus Italia riapertura negozi | L’Italia è entrata nella Fase 2 della lotta al Coronavirus. Dopo un mese di chiusura forzata di tutte le attività, dallo scorso martedì il Governo ha dato il via libera alla riapertura dei negozi di cartoleria, libreria e abbigliamento per bambini e neonati. La prossima settimana potrebbe essere decisiva per la riapertura di numerose altre attività.

coronavirus italia

Coronavirus Italia: dal 20 aprile riaprono nuovi negozi

Stando a quanto riporta il Corriere della Sera, infatti, entro qualche giorno potrebbero riaprire regolarmente mobilifici, laboratori di falegnameria, alcune industrie tessili e della moda. Già dal 20 aprile potrebbero essere concesse le autorizzazioni a questo tipo di attività commerciali. Ovviamente, così come per le prime attività che hanno riaperto, sarà necessario prendere le giuste precauzioni contro il virus: distanza di sicurezza, mascherine e guanti sono gli elementi obbligatori per la riapertura. Diversamente, nessuna deroga dovrebbe essere concessa fino al 3 maggio per gli spostamenti delle persone e la riapertura di ville e parchi.

Leggi anche – Coronavirus Napoli: incontri tra vicini e contagi porta a porta

coronavirus-italia

Notizie COVID-19: il Lazio sposta le riaperture di una settimana

Il Lazio, intanto, ha rinviato le prime riaperture di una settimana. Mentre in quasi tutto il resto d’Italia si è ripartiti al piccolo trotto martedì 14 aprile, nella regione della capitale, si è deciso per la riapertura al 20 aprile.

Paolo Orneli, assessore della Regione Lazio allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Ricerca, Start-Up e Innovazione ha dichiarato: “Vogliamo che le librerie riaprano. Ma questo deve avvenire nella sicurezza assoluta di lavoratori e clienti. Per questo siamo in contatto con le associazioni delle librerie, sia quelle indipendenti sia quelle facenti parte di grandi catene, per concordare con loro, nei prossimi giorni, le modalità più adeguate per la ripresa delle attività di vendita al pubblico nella nostra regione”.


Continua a leggere