Coronavirus, a Pozzuoli festa in strada: denunciati i trasgressori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:00

In questo periodo di emergenza sanitaria e di quarantena imposta dalle autorità governative a causa diffusione del Coronavirus , non tutti rispettano le regole come dovrebbero e a Pozzuoli è accaduto qualcosa di davvero triste.

Coronavirus news, a Pozzuoli canti e balli in comitiva

Una delle regole fondamentali di questo triste periodo è quella di restare a casa. Evidentemente, la quarantena forzata non basta per alcuni individui che mettono a repentaglio l’incolumità delle persone che vivono al loro fianco. In Campania, nel quartiere Marocchini di Pozzuoli, ieri pomeriggio decine di persone hanno aperto le casse della musica ad alto volume e sono scesi in strada per ballare, trasgredendo le uniche regole che permettono di combattere il Coronavirus. Schiamazzi, applausi e divertimento. Tutto per avere qualche minuto di notorietà, senza pensare a chi sta facendo tutti gli sforzi possibili per curare vite umane in situazioni di emergenza sanitaria.

Coronavirus, Pozzuoli balli in strada

Coronavirus Pozzuoli, scattano le denunce della polizia

I protagonisti di questa trasgressione hanno ripreso tutto dai propri cellulari e, ovviamente, sono scattate le indagini della polizia locale. Il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliola, ha voluto lasciare un messaggio sul suo profilo Facebook: “Grazie a tutte le Forze dell’ordine che stanno provvedendo ad identificare le persone che hanno partecipato ad un’assembramento vicino il lungomare di Pozzuoli“.

Inoltre, il sindaco ha voluto precisare che sono tante le persone che stanno rispettando le regole e tanti sono quelli che stanno mettendo a rischio la propria vita per adempiere ai propri doveri, come i farmacisti, infermieri, medici e tutti quelli che continuano a lavorare.