Emergenza Coronavirus, Pastore: “In Italia sembrava uno scherzo, ora non sappiamo se si riprenderà”

| 18/03/2020 15:00

Emergenza Coronavirus, Pastore preoccupato | L’espansione del COVID-19 ha bloccato la Serie A e ad oggi non è ancora sicura la ripresa del campionato. I calciatori stanno vivendo il periodo in quarantena con allenamenti ridotti meno intensi. Javier Pastore, trequartista della Roma, ha parlato di questo particolare periodo e di come lo sta affrontando.

emergenza coronavirus pastore

Emergenza Coronavirus, Pastore sulla ripresa della Serie A

Javier Pastore, centrocampista della Roma, ha parlato del problema relativo all’emergenza Coronavirus e del programma previsto dalla squadra giallorossa in vista di una possibile ripresa. A Cadena 3 ha parlato anche del suo futuro e di come si vive attualmente in Italia.

“La Roma ci ha inviato tutti i materiali a casa per continuare a lavorare. Biciclette e tutto quello che serve per allenarci e lo stiamo facendo. Personalmente credo che questo stop duri più a lungo del 3 aprile e quando torneremo in campo avremo bisogno di 15 giorni di preparazione”.

Coronavirus?All’inizio in Italia è stato affrontato come uno scherzo, poi gli ospedali sono andati in difficoltà e tutti abbiamo capito. Da mercoledì siamo in casa senza possibilità di uscire, muoverci liberamente e allenarci. Per noi che viaggiamo tanto e siamo spesso fuori è un momento per stare con la famiglia e i bambini e lo stiamo sfruttando“.

Allenamenti?Io mi alleno mattina e pomeriggio per poter dividere la seduta in più parti e occupare il tempo. Dovevamo allenarci questo mercoledì in più gruppi, ma dopo le decisioni del Governo è tutto fermo e non sappiamo se realmente tutto terminerà il 3 aprile“.

Pastore sul ritorno in Argentina

Il futuro del Flaco al momento non è lontano dalla Roma ma l’ex Palermo e PSG ha espresso il desiderio di tornare in patria e concludere la carriera in Argentina. “Spero che un giorno, con l’aiuto di Dio, possa avvicinarmi a casa e tornare a giocare dove ho iniziato”.


Continua a leggere