Atalanta, Percassi: “Emozioni uniche contro il Valencia ma il ritorno sarà un inferno”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:59

Atalanta, Percassi felice della sua Dea | L’Atalanta sta vivendo un periodo magico. Non è più una novità in campo italiano e sta dimostrando di non esserlo più pure in Europa. Dopo le qualificazioni vissute con gioia prima in Europa League e poi in Champions League (prima volta), la Dea si è già affermata come outside della competizione più importante d’Europa. Ha superato il girone da seconda in classifica, alle spalle del Manchester City e agli ottavi di finale ha battuto (all’andata) il Valencia. Il Presidente, Antonio Percassi, si è detto soddisfatto della crescita del club.

during the UEFA Champions League round of 16 first leg match between Atalanta and Valencia CF at San Siro Stadium on February 19, 2020 in Milan, Italy.

Atalanta, l’emozione di Percassi

Intervistato dai microfoni della Gazzetta dello Sport, il Presidente dell’Atalanta ha parlato con emozione del momento della sua squadra che sta facendo passi da gigante in giro per l’Europa.

“A Valencia affronteremo uno squadrone, il ritorno sarà più complicato. Loro partiranno forte, dovremo resistere soprattutto nel primo tempo. Se passiamo sarà una cosa extraterrestre, ma ancora non si sa. Sarà un ostacolo mica da ridere. Abbiamo una certezza: sarà una partitaccia”.

Ottavi a San Siro?A San Siro ha vinto anche Bergamo, non solo l’Atalanta. Ringrazio tutti i nostri tifosi, ma anche Inter, Milan e il sindaco Sala. Sarebbe stato meglio non prendere gol ma siamo anche onesti: se mi avessero detto di firmare per il 4-1 l’avrei fatto subito”.

percassi

Il Presidente ha parlato anche dei calciatori simbolo

Antonio Percassi, poi, si è soffermato sull’importanza del gruppo e dei singoli.

“Gomez e Ilicic stanno bene con noi. Pochi giocatori possono contare su un contesto simile. Qui stanno bene, vivono bene. I tifosi li adorano. C’è un grande gruppo di lavoro dirigenziale con un grande capitano che per combinazione è anche mio figlio”.

Gasperini? “Ha regalato una condizione fisica che non avevano mai avuto, a loro e a tutti gli altri calciatori. Tutti si divertono”.

Zapata?E’ un attaccante fortissimo ed è un giocatore in ripresa. Però anche senza di lui l’Atalanta è riuscita a fare bene”.