Erdogan attacca la Uefa: “Discriminano i nostri atleti per il saluto militare”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00

Erdogan Turchia contro UEFA | Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan ha accusato la Uefa di aver adottato un “atteggiamento discriminatorio” nei confronti del suo Paese per aver avviato un’indagine disciplinare dopo i saluti militari fatti dai suoi giocatori nel mezzo dell’offensiva turca nel nord della Siria. Lo riporta La Presse in una agenzia di stampa.

Erdogan Turchia contro UEFA

Erdogan difende la Turchia contro la UEFA

“Gli atleti che rappresentano il nostro paese all’estero sono vittime di una campagna di linciaggio dall’inizio dell’operazione”, ha detto Erdogan nel corso di una conferenza stampa ad Ankara prima di partire per Budapest per partecipare al quarto Consiglio di cooperazione strategica Turchia-Ungheria.“Respingiamo l’atteggiamento discriminatorio, ingiusto e politico nei confronti della nostra nazionale e dei nostri club”, ha aggiunto. “Quello compiuto dai calciatori – ha detto Erdogan – “è un gesto di solidarietà nei confronti dell’esercito e un’azione della Uefa, che ha parlato di ‘comportamenti politici provocatori’, rappresenta “un evidente atto illegittimo”

Indagine della UEFA

Ricordiamo che ka Uefa ha annunciato lo scorso 15 ottobre l’apertura di un’indagine disciplinare contro la Turchia, accusata di potenziale “provocazione politica” in seguito del saluto militare fatto dai giocatori nelle partite contro Albania e Francia, valide per qualificazioni a Euro 2020. Un gesto che ha suscitato indignazione in Francia, dove diversi politici avevano chiesto la cancellazione dell’incontro dopo il saluto eseguito dai giocatori nel precedente match contro l’Albania.