Milan, doppio colpo dal Verona: l’annuncio

| 27/06/2021 12:30

Il mercato del Milan comincia ad entrare nel vivo. Dopo gli addii di Donnarumma e Calhanoglu, rischi anche Romagnoli. Per sostituirli i rossoneri pensando ad un doppio affare dal Verona.

Milan, Zaccagni e Lovato in arrivo da Verona nel prossimo calciomercato

Il Milan potrebbe portare a Milano Mattia Zaccagni e Matteo Lovato. I due calciatori, inseguiti anche a gennaio, potrebbero far bene a Milano. Ma non sarà facile convincere il Verona ed il presidente Setti a cedere i due campioncini.

POTREBBE INTERESSARTI: Calciomercato Milan, super affare dal Barcellona: è in ‘saldo’

Mercato Milan: Setti su Zaccagni

Proprio del futuro di Mattia Zaccagni ha parlato il presidente del Verona Setti alla GDS:

Cessione Zaccagni?

«Sta bene da noi, non dobbiamo venderlo per forza. Se arrivasse una richiesta importante però la valuteremo perché Mattia vale una squadra di Champions».

Come Jorginho? 

«I miei amici lo sanno. Prima di prendere il Verona ho visto delle gare e alla fine ho comprato il club per Jorginho. E’ stato un colpo di fulmine. Mi son detto: lui mi aiuterà a rientrare dell’investimento. Così è stato. Era un ragazzino esile ma sapeva toccare il pallone e aveva  facilità di calcio, intelligenza tattica, movenze eleganti. Guardando giocare “Jorj” ho capito che potevo prendere tanti talenti, mi sono sentito bene».

 

during the Serie A match between Hellas Verona and Parma Calcio at Stadio Marcantonio Bentegodi on July 1, 2020 in Verona, Italy.

Mercato Milan: anche Lovato nel mirino

Ma Setti ha parlato anche di Matteo Lovato, altro obiettivo di mercato del Milan, e non solo nell’intervista di oggi.

Di Francesco e i giovani?
«Era indispensabile prendere un allenatore per guidare i giovani. Il bene della mia azienda deve passare attraverso i talenti. Per noi c’è un solo principio, farli andare in campo. Senza nulla togliere ai senatori io voglio far giocare i ragazzi e non che ormai è grande, massimo tre per squadra. In questo squadra Di Francesco è perfetto per me. l’Italia di Mancini ha dato a tutti l’espempio. E anche i Europa quella è la linea»

Il nuovo Kumbulla?
«Di sicuro è Lovato, sta dimostrando di essere un grande calciatore e non solo. Poi penso sia l’anno buono di Cancellieri, un 2002 che parte con noi in ritiro e spero di vederlo come il nuovo Bruno Conti. E di Amione (U.23 argentino del 2002, ndr) che dicono sia un fenomeno, vediamo cosa saprà fare con noi».

Leggi anche >>> Pioli sul vice-Ibra

 


Continua a leggere