CONI, Malagò: “La chiusura va in contrasto con quanto stabilito”

| 18/10/2020 18:40

Giovanni Malagò, presidente del CONI, ha parlato nel corso di un’intervista concessa all’ANSA

CONI, Malagò: “La chiusura va in contrasto con quanto stabilito”

Possibili altri stop per lo sport nel nuovo Dpcm in arrivo, ecco le parole di Malagò sulla possibile chiusura:

 “Nessuna decisione avventata sullo sport: l’eventualità paventata di chiusura per quanto riguarda tutti i campionati e le attività organizzate dall’associazionismo sportivo sarebbe in contrasto con i protocolli che sono già stati formati con Cts d’intesa col Ministero. Ho il dovere di sottolineare questa cosa ancora oggi visto che girando determinate notizie: bisogna essere cauti a prendere provvedimenti giusti. La chiusura non risolverebbe i problemi del contagio ma potrebbero aggravare quelli di un settore come lo sport che si trova già molto in difficoltà per quanto accaduto in questo anno. Lo sport italiano è stato già pesantemente penalizzato dalla pandemia”.malago serie a piano b

CONI, Malagò contro le chiusure

Malagò prosegue parlando ella soluzione del CONI sul possibile Dpcm che potrebbe di fatto fermare anche il mondo del calcio.

“Il Coni è a disposizione di chi è preposto alle decisioni ma, per avere anche una certa tutela per chi finora ha rispettato tutte le prescrizioni di legge, non resterà in silenzio nel caso in cui si andrà in contro a soluzioni che condurrebbero il nostro mondo ad una fine dalla quale non potremo tornare indietro. La bozza di testo su cui il Ministero dello sport ci ha chiesto un parere preventivo è stata da noi ritenuta perfettamente equilibrata. Auspico possa entrare nel Dpcm così come è scritta e pensata e senza ulteriori stravolgimenti”.serie a malago coni

Serie A a rischio, la situazione

 

Rischia di esser costretta a fermarsi ancora una volta la Serie A. A proposito di quanto accaduto oggi, sulla gestione dei casi da Coronavirus del Parma Calcio era intervenuto anche De Siervo.

“Voglio fare i complimenti alla Società, al medico e a tutto lo staff del Parma per come in Emilia stanno gestendo i casi Covid all’interno del gruppo squadra. L’ASL di Parma è stata molto scrupolosa e si è attenuta al Protocollo e quanto deciso è l’unica via per giocare e tentare di non fermare il calcio italiano”.


Continua a leggere