Calciomercato Inter, Lukaku annuncia la sua prossima squadra

| 09/10/2020 20:59

Romelu Lukaku è il bomber dell’Inter. Non lo sarà per sempre ed è lui stesso ad annunciarlo a margine di una lunga intervista al canale belge VTM

Calciomercato Inter, Lukaku vuole l’Anderlecht

E c’è pure chi dice che la riconoscenza nel calcio non esiste. In un momento in cui in Italia fa la differenza, Lukaku ha un pensiero per la squadra che l’ha lanciato e che in questo momento non se la sta passando bene. Il riferimento è all’Anderlecht, attualmente settimo con 13 punti in 8 partite disputate nella Belgian Pro League.

lukaku

(www.gettyimages.it)

Di una cosa sono certo“, ha affermato il bomber, “un giorno tornerò all’Anderlecht, che seguo con grande amore. Nelle mie vene il sangue ha lo stesso colore dello stemma del club. Non stanno vivendo un periodo facile, ma quando ero un ragazzo mi hanno trattato benissimo. Chiedete anche a Tielemans o Dendoncker. Il legame col club resta fortissimo ed io voglio essere riconoscente con chi mi ha aiutato“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Inter, un altro campione minaccia l’addio

Per il momento però, c’è la Serie A

Sempre a sentire le sue parole però, si tratta di un futuro lontano. Attualmente ha un contratto che lo lega ai nerazzurri fino al 2024 e quindi i tifosi nerazzurri, salvo imprevisti, possono dormire sonni tranquilli. Inoltre, il nostro campionato gli piace particolarmente: “Il campionato italiano è più nelle mie corde. Sto bene in Italia e a saperlo ci sarei arrivato prima“.

LEGGI PURE >>> Calciomercato Inter, annuncio dell’agente di Lautaro

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Tegola Inter, c’è un altro calciatore positivo

lukaku

(www.gettyimages.it)

Lukaku racconta il rapporto con Conte

Il centravanti di origini congolesi ha si è soffermato anche su Antonio Conte: “Lui è simile a me. Odia perdere. Ho passato dei brutti momenti quando abbiamo perso in finale contro il Siviglia e mi sono serviti alcuni giorni per smaltire il tutto, per digerire davvero la sconfitta. Lo scudetto era andato per un punto soltanto e ancora oggi se penso alla semifinale al Mondiale persa col Belgio mi brucia maledettamente. Ero parecchio fuori di me in quei giorni. Addirittura ho pensato di dire basta col calcio e mandare tutti a quel paese“.


Continua a leggere