Juventus, Carraro attacca Agnelli: “Continua a sbagliarsi sugli scudetti…”

| 09/09/2020 19:40

L’ex presidente della Figc, Franco Carraro, ha rilasciato un’intervista a ‘Radio Kiss Kiss Napoli‘ dove non ha potuto fare a meno di parlare della Juventus e della questione scudetti (che per lui sono 36).

carraro

(Getty Images)

Carraro sulla Juventus: “Gli scudetti sono 36

Torna a parlare l’ex numero uno della Figc, Franco Carraro. Lo fa parlando della squadra bianconera, chiarendo un piccolo particolare sui titoli vinti, in seguito allo scandalo Calciopoli: “Gli scudetti della Juventus sono 36, punto e basta. Nessuno mette in dubbio che siano una società straordinaria, ma devo dire che si sono creati un film tutto loro. Non ci sono solo le sentenze a confermarlo, ma addirittura una decisione del tribunale. La federazione e lo stesso club hanno fatto una transazione e hanno diminuito la pena allo stesso club proprio perché questi ultimi avevano accettato quella pena. Nessuno, e sottolineo nessuno, ha fatto ricorso al Tar e al consiglio di stato come avrebbero potuto fare“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, Suarez allo scoperto: “Tante fake news”

E su Andrea Agnelli: “Il presidente continua a commettere errori se lo ribadisce

Stiamo parlando di una sentenza frutto di un accordo con i legali dello stesso club. Questa è la sacrosanta verità. Tutto il resto sono chiacchiere da bar. Se dico ciò e perché rispetto il loro presidente, Andrea Agnelli. Se lui continua a confermare questa sua teoria commette un errore. Se mi dice che gli scudetti, che hanno vinto, non sono 36 continua a dire una menzogna“.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, Paratici stringe per il centrocampista: le ultime

(www.gettyimages.it)

Per Carraro i titoli vinti sono 38

Non ha usato mezzi termini Franco Carraro. Ci ha tenuto a precisare che i campionati vinti dalla vecchia signora non sono 38 come manifestano loro. L’8 maggio del 2006, con il delinearsi dello scandalo del calcio italiano poco prima dell’inizio dei mondiali, il politico di Padova si dimise da presidente della Figc. Fu anche coinvolto in uno scandalo in quanto venne intercettato dall’allora designatore arbitrale, Paolo Bergamo, pregandogli di non sfavorire la Lazio a livello arbitrale. Ebbe una squalifica dal CAF per quattro anni e sei mesi. La Corte Federale gli inflisse anche una multa di 80000 euro. Nel maggio del 2009 fu prosciolto dall’accusa di frode sportiva.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Juventus: Pogba non rinnova, colpo di scena

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, offerta super per Dybala

 

 

 

 

 


Continua a leggere