Calciomercato Lazio, annuncia dove chiuderà la carriera

| 11/08/2020 08:30

Nonostante le voci di mercato abbiano infastidito, più che altro, i suoi tifosi che temevano di perderlo, il calciatore ha ribadito di voler restare alla Lazio a vita.

Immobile si confessa: “Aspetto la chiamata per il rinnovo

E’ stata la stagione di Ciro Immobile. Ha riportato la Lazio in Champions League dopo tredici anni, ha vinto la ‘Scarpa d’Oro’ davanti a leggende come Lewandowski, Messi e Ronaldo. Il nazionale azzurro ha rilasciato un’intervista al ‘Corriere dello Sport‘, ecco le sue dichiarazioni: “Nessun rimpianto per i rigori che ho lasciato tirare agli altri. Se non avessi fatto così non avrei raggiunto il record. Il calcio è un gioco di squadra. Peccato per lo stop del campionato per il Coronavirus, eravamo solo ad un punto dalla Juventus. Prima del lockdown le partite le vincevamo ancor prima di iniziarle. La partita di Bergamo è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Avevamo il doppio vantaggio e alla fine abbiamo perso. Da lì il nostro rendimento è calato. Gasperini? Ce l’ha con la Lazio, mi ha accusato di essere un simulatore.

(www.gettyimages.it)

Poteva competere per lo scudetto insieme alla Juventus invece il suo obiettivo era finire il campionato davanti a noi. E’ un’ossessione per lui, penso che la sconfitta in finale di Coppa Italia dello scorso anno ancora la debba digerire“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Lazio, addio all’esterno: le richieste biancocelesti

Ancora Immobile: “Noi non da scudetto? A marzo dicevano il contrario

Noi non da scudetto? A marzo dicevamo e dicevate esattamente il contrario. Rinnovo? Aspetto che la società mi chiami. Newcastle? Provarono a contattare il mio agente Moggi, ma alla fine lo sceicco non ha acquistato più il club e quindi non se ne fece più nulla. Napoli? Ci sono stati contatti in passato, ma ora il mio pensiero fisso è quello di legarmi alla Lazio per sempre. Un attaccante ha la formazione completa tra i 28 e i 32 anni, me ne sono accorto da solo. Sono cresciuto mentalmente. Luis Alberto e Milinkovic? Sono arrivati ragazzini e ora sono diventati uomini. David Silva? Lo aspettiamo a braccia aperte. Lotito? Il rapporto con lui è ottimo. Roma? Con l’arrivo di Friedkin il livello della squadra si alzerà notevolmente, avremo un avversario in più per la Champions. Pirlo alla Juve? Non mi sorprende“.

 


Continua a leggere