Dediche a Floyd, Infantino: “I calciatori non vanno sanzionati ma applauditi”

| 03/06/2020 00:00

Floyd Calciatori Infantino | Da Marcus Thuram a McKennie, passando per Sancho e Hakimi. La Bundesliga ha vissuto la protesta del calcio e dei calciatori per la morte di George Floyd, il cittadino americano ucciso dalla Polizia. La sua morte ha scatenato una durissima protesta negli Stati Uniti e anche il calcio, in maniera civile, si è unito alla lotta contro il razzismo.

FIFA: “Le Federazioni usino il buon senso contro le sanzioni”

In Bundesliga, alcuni calciatori hanno protestato mostrando magliette, fasce di capitano o esultando mostrando il simbolo della lotta al razzismo. I suddetti calciatori, però, ora rischiano importanti sanzioni a cui si sono tutti fortemente opposti. Anche la FIFA è intervenuta in merito. Il maggior organo mondiale del calcio ha manifestato la propria contrarietà alle possibili sanzioni.

“L’applicazione delle regole del gioco approvate dall’IFAB è lasciata a chi organizza le competizioni che dovrebbero usare il buon senso e considerare le circostanze”.

Leggi anche – Ecco cosa può succedere ai calciatori che hanno omaggiato George Floyd

Esultanze per Floyd, Infantino: “I calciatori dovrebbero essere applauditi”

Per la FIFA ha parlato il presidente Gianni Infantino, attraverso una lettera che sarà inviata alle Federazioni. Si è chiaramente schierato contro le possibili sanzioni.

“A scanso di equivoci  in una competizione Fifa le recenti dimostrazioni dei giocatori nelle partite della Bundesliga meriterebbero un applauso e non una sanzione. Bisogna usare buon senso e avere in considerazione il contesto che circonda gli eventi”.


Continua a leggere