AIA, l’ex arbitro Gavillucci torna su Inter-Juventus: “Anomalie, manca trasparenza”

| 18/05/2020 22:30

AIA, Gavillucci tuona sull’AIA: “Dovevano metterci la faccia”

AIA – Gavillucci su Inter-Juventus | Non si placano le polemiche intorno al calcio italiano e quel che concerne la sfida tra Inter e Juventus di due stagioni or sono. Dopo la grave accusa di Pecoraro, arrivano le parole di Claudio Gavillucci, ex arbitro di Serie A. L’uomo è intervenuto ai microfoni di Si Gonfia La Rete, trasmissione in onda su Radio Marte.

Le parole di Claudio Gavillucci

aia gavillucci inter-juventus

L’ex arbitro Gavillucci tuona dunque sull’AIA, difendendo però la categoria arbitrale. Le sue parole sono molto chiare: “Ci tengo a ribadire che i miei colleghi sono persone integerrime. A non funzionare è proprio il sistema che li governa, perché in tal modo, si crea molta confusione per i tifosi. Tutto questo induce i tifosi a poter fare dei pensieri in malafede, ma che in realtà neanche esistono. Gli errori sono accettabili, sbagliano anche i calciatori, può farlo anche un arbitro. Il problema è sulla trasparenza, basterebbe poco, si placherebbero le polemiche. Trasmettere l’episodio allo stadio non sarebbe così scandaloso. Dalla UEFA e dalla FIFA sono sicuro che stanno lavorando anche su questo. Chi governa gli arbitri in Italia, deve capire che il sistema può migliorare solo con la trasparenza”.

E su Inter-Juventus, la posizione è netta: “Partita sfortunata per Orsato, che per me è uno dei tre arbitri più bravi di tutti i tempi. Quante incongruenze ci sono state in Italia, ma non riguarda solo quella partita. Aurelio De Laurentiis ebbe ragione a dire, dopo Napoli-Atalanta, che dovrebbero metterci la faccia, perché è un servizio che le società pagano. Registrazioni sparite di Inter-Juventus? L’anomalia è che a Coverciano ci fanno vedere tutti gli episodi controversi. Quella volta non ci fu fatto vedere niente, io posso solo dire con certezza che le partite vengono sempre registrate per intere. Poi se vengono tagliate o archiviate, non lo posso sapere”.


Continua a leggere