Udinese, Pozzo al Governo: “Sollevateci dalle responsabilità o non si può ripartire”

| 13/05/2020 22:30

Serie A Udinese Pozzo | La Serie A cammina al piccolo trotto verso la ripartenza. Da lunedì prossimo i club potranno tornare ad allenarsi in gruppi dopo il via libera da parte del Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora e dal Comitato Tecnico Scientifico. In questi mesi di stop, però, le società hanno rischiato di perdere milioni di euro e di trovarsi in estreme difficoltà.

pozzo udinese

Udinese, Pozzo: “Il Governo ci tolga responsabilità o la Serie A non riparte”

Gianpaolo Pozzo, Presidente dell’Udinese, ha inviato una lettera allo stesso Ministro dello Sport in cui ha chiarito i punti critici della ripresa.

“Il Governo garantisca la manleva ai dirigenti, o la ripresa del campionato è improvvida. Servirebbe un intervento normativo affinché i dirigenti non debbano rispondere delle altrimenti ostative responsabilità che dovremmo essere costretti ad indebitamente accollarci”.

Leggi anche – Serie A verso la ripresa: c’è la data

Serie A, in cosa consiste la richiesta

In sostanza il Presidente dell’Udinese chiede al Governo di assumersi le totali responsabilità civili e penali in caso di possibile contagio da parte di un calciatore. La positività al Coronavirus durante l’attività sportiva potrebbe essere presa in carico dall’INAIL e trattata come infortunio sul lavoro. In questo caso le societ’ potrebbero essere costrette a sborsare ingenti somme di denaro. La lettera è stata inviata anche al presidente del CONI, Giovanni Malagò, al presidente della FIGC, Gabriele Gravina, a quello della Serie A, Paolo Dal Pino, e al governatore del Friuli-Venezia Giulia, Massimilano Fedriga.


Continua a leggere