Coronavirus Milan, Scaroni: “Siamo nati per giocare a calcio e vogliamo farlo”

| 19/04/2020 14:00

Coronavirus Milan Scaroni | Il calcio è ancora fermo. Da più parti si invoca la ripresa per non falsare le prossime stagioni e quella in corso e anche un po’ per nostalgia, oltre che per i più evidenti motivi economici. In Serie A i club sono divisi tra chi invoca alla ripresa e chi chiede di terminare immediatamente i campionati. Tra i primi c’è anche Paolo Scaroni, presidente del Milan.

coronavirus milan scaroni

Coronavirus Milan, Scaroni: “Siamo una società di calcio, la Serie A ricominci”

La prossima settimana potrebbe essere decisiva per un incontro tra il Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, e i vertici del calcio italiano. La ripresa, si sente da più fronti, potrebbe essere fissata per il 31 maggio, seppur a porte chiuse. Paolo Scaroni, Presidente del Milan, ai microfoni dell’ANSA ha parlato della volontà del club rossonero in questo periodo particolarmente complicato.

“La ripresa della stagione calcistica viene decisa dagli sviluppi della pandemia e, in funzione di questo, dalle autorità. Il Milan è una società di calcio, la cui vocazione primaria è giocare a calcio. Se ci sono i presupposti di sicurezza e salute, siamo a favore della ripresa della stagione sportiva”.

cellino brescia coronavirus

Coronavirus Serie A, Cellino positivo

Intanto ieri sera è stata ufficializzata la positività al COVID-19 per Massimo Cellino, Presidente del Brescia. Egli stesso, attraverso le pagine di Repubblica, ha raccontato le problematiche derivanti dal virus e come si è contagiato.

Confermo, ho preso il Coronavirus e lo hanno anche alcuni componenti della mia famigliaDico che è assurdo pensare di riprendere. Non c’è la minima sensibilità, il Paese dovrebbe essere molto più vicino alla gente. Mi imbarazza l’insensibilità di questo governo. Penso veramente di trasferirmi”.


Continua a leggere