Serie A, Tommasi: “Non dimentico il calcio femminile e le serie minori, FIFA e UEFA diano una mano”

| 04/04/2020 11:00

Serie A, Tommasi sul calcio italiano | Periodo molto complicato e delicato per il calcio italiano che deve affrontare parecchie difficoltà dovute all’emergenza Coronavirus. Tra i temi più caldi ci sono sicuramente la ripresa dei campionati e la questione economica. Damiano Tommasi, in un’intervista per la Gazzetta dello Sport, ha parlato di questo e anche delle fasce più “deboli” del nostro calcio.

tommasi

Serie A, Tommasi: “Speriamo di tornare in campo velocemente”

Il Presidente AIC ha parlato della ripresa del campionato e degli allenamenti. Ha chiarito che quando tutto tonerà alla normalità si tornerà in campo.

“La speranza è quella di tornare in campo velocemente per noi dell’AIC. Magari già in estate. Tuttavia, per farlo, dovranno esserci le assolute garanzie. La salute e la sicurezza delle famiglie sono al primissimo posto. Quando non ci sarà più alcun pericolo torneremo a pensare alla ripresa dei match ufficiali”.

Allenamenti?Vale lo stesso discorso. Decideranno l’andamento naturale delle cose e il processo di ritorno alla normalità”.

emergenza coronavirus juventus women

Tommasi: “Non dimentichiamo il calcio femminile”

“Il tema riguardante gli stipendi è stato discusso più a livello mediatico che dai diretti interessati. La priorità è tutelare i diritti degli atleti, in particolare quelli delle categorie inferiori. UEFA e FIFA potrebbero mettere a disposizione dei fondi per limitare le problematiche economiche”.

Calcio femminile?E’ diventato una splendida realtà. Spero che quando tutto tornerà alla normalità ci sarà ancora l’entusiasmo che ha accompagnato le ragazze prima del grande stop. Lo stesso vale per i ragazzi di Serie C e D, che se va male potrebbero addirittura cercare altro. E’ brutto parlare di paure simili“.

Calcio minore?Tanti calciatori di Serie D con moglie e figli, vivono anche grazie al denaro del calcio. Per loro è un rimborso-spesa fondamentale per arrivare a fine mese“.


Continua a leggere