Quarantena violata, il padre di Jovic: “Vada in carcere se colpevole”

| 22/03/2020 22:00

Il padre di Luka Jovic ha parlato delle azioni del proprio figlio: l’attaccante del Real Madrid ha violato la quarantena alla quale era sottoposto, scatenando polemiche sul piano nazionale ed internazionale.

Ultime coronavirus, le parole del padre di Jovic

Non è stata una stagione particolarmente fortunata per l’attaccante, finito ai margini del Real Madrid ed ora sotto il faro dell’opinione pubblica dopo aver violato la quarantena in tempi di coronavirus. Il calciatore è stato infatti denunciato ed ora rischia grosso, vista anche la motivazione che l’ha portato a farlo. Sembra infatti che volesse vedersi con la propria fidanzata. Toni duri, ma garantisti, quelli usati dal padre nell’intervista al quotidiano spagnolo AS: “Ora sembra sia una criminale. Se deve andare in carcere che ci vada, ma solo se è colpevole. Lui è arrivato a Belgrado e si è messo in isolamento. Le foto che lo ritraggono a passeggio in centro risalgono a mesi fa. Anche Sofia, che è incinta, è chiusa in casa“.

Coronavirus e l’isolamento dei calciatori: il caso Juventus

Quella dello status dei calciatori è una tematica che sta infiammando il dibattito anche in Italia. Ben 4 giocatori della Juventus infatti, in dichiarato stato di isolamento, hanno violato la legge tornando ognuno al rispettivo paese di origine. Si tratta di Douglas Costa (l’ultimo in ordine di tempo) Khedira, Pjanic e Higuain: quest’ultimo il caso che ha fatto più rumore. Nessuno di loro, al momento, sembra essere sotto oggetto d’indagine da parte della magistratura.

 


Continua a leggere