Roma, Gruppo Friedkin spiega i motivi dello stallo: “Stand-by dovuto ai problemi in Italia”

| 10/03/2020 15:00

Notizie Roma, Gruppo Friedkin spiega lo stallo | La Roma non è passata formalmente al Gruppo Friedkin anche se da settimane gli affari sono ormai conclusi. Si dovranno aspettare le firme sui documenti che decreteranno il passaggio definitivo da James Pallotta a Dan Friedkin. Ciò non accadrà prima della soluzione al coronavirus in Italia: lo ha spiegato un legale del Gruppo Friedkin.

Roma, legale di Friedkin spiega lo stand-by

Intercettato dai microfoni di romapress.net, uno dei legali del Gruppo Friedkin ha spiegato i motivi che hanno portato allo stallo della trattativa.

“Sia noi che la Roma abbiamo concordato per mettere le cose in stand-by una volta capito che la Serie A si sarebbe fermata. La decisione l’abbiamo presa tra sabato e domenica”.

Firme?Venerdì non c’è stato alcun tipo di problema, le firme ci sono. La mancanza di chiarezza che ha fatto la Serie A circa la sospensione del campionato ci ha portato ad un normalissimo stop“.

Roma Friedkin

Il legale di Friedkin sugli eventuali problemi

LEGGI ANCHE – Totti torna alla Roma con Friedkin? C’è apertura

Interrogato anche sugli eventuali problemi che potrebbero sorgere nella trattativa per il passaggio della Roma da Pallotta a Friedkin, il legale ha spiegato cosa succederà.

“E’ possibile che questo focolaio dovuto al coronavirus comporti un notevole impatto finanziario e una perdita di entrate. E’ necessario che noi e la Roma ci sediamo e aspettiamo di vedere dove vanno queste situazioni perché c’è molta incertezza. Questo è qualcosa che non puoi mai pianificare”.


Continua a leggere