Juventus, Dybala: “In estate vicinissimo alla cessione”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:30

Notizie Juventus, Dybala: “In estate vicinissimo alla cessione”

Ultime Juventus | Paulo Dybala, attaccante della Juve, ha parlato nel corso di un’intervista concessa al The Guardian:Dybala

Le parole di Dybala

“Esultanza? Dopo l’errore dal dischetto in Supercoppa Italiana ho visto Il Gladiatore. Ho pensato che a tutti accadono cose brutte, momenti difficili, ma bisogna andare avanti indossando la maschera come i gladiatori, e poi lottare. Era l’idea che volevo trasmettere.

Ronaldo o Messi? Sono l’unico a condividere lo spogliatoio con entrambi ma le persone guardano solo la punta dell’iceberg e non il lavoro che si fa: entrambi non hanno vinto tutto solo perché sono fortunati. Chi è il migliore? Non posso rispondere (ride n.d.t.).

  

Mercato? Alla Juventus è la quinta stagione e anche se ho giocato 200 partite mi sembra di essere arrivato ieri: avrei ancora 10 anni [da calciatore] ma le cose passano velocemente. Sono felice, a mio agio, ma in estate sono stato vicino alla cessione. Sapevo che ciò era nei pensieri del club. Fino all’ultimo secondo stavamo aspettando. Ora ho due anni di contratto, non è poco ma neanche tantissimo. Dobbiamo vedere quali programmi ha la Juventus, se vogliono cedermi nel prossimo calciomercato o farmi rimanere: la decisione è del club, è difficile da sapere siccome le cose possono cambiare in un secondo.

Presente? Ora sto bene, il club mi tratta bene, mi ha aiutato l’arrivo di Sarri. Ha voluto che rimanessi, mi ha dato forza anche quando non sapevamo cosa sarebbe successo [eventuale cessione, n.d.t.]. Lui ha tirato fuori il meglio da me. Senza palla mi annoio: sono fortunato a giocare in una squadra che vuole fare possesso siccome ho molte opportunità per toccare il pallone. Non penso di avere solo due occasioni a partita, infatti se perdo palla la riprendiamo. Pjanic fa oltre 120 tocchi a partita. Sarri vuole giocare a uno due tocchi, muovere palla velocemente, ma in difesa non abbiamo libertà perché è tutto preciso. In attacco è diverso siccome con due secondi per pensare dobbiamo improvvisare, anche se i movimenti di tutti sono studiati durante la settimana”.

Dybala