Tottenham, effetto Mourinho: Tre vittorie in otto giorni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00

Tottenham, scatta l’effetto Mourinho

Tottenham Mourinho | Pochettino chi era costui ? E’ quello che ironicamente, e un po’ anche beffardamente, si domando i tabloid londinesi dall’avvento sulla panchina degli Spurs di Josè Mourinho. Tre vittorie su tre, qualificazione agli ottavi di Champions, quinto posto in classifica. E in meno di dieci giorni Lo Special One è diventato il nuovo idolo dei tifosi. Lo rivela, con dovizia di particolari, l’edizione oggi in edicola de La Gazzetta dello Sport.

Tottenham Mourinho

Spurs, tre vittorie in otto giorni

L’ultima impresa della serie, il 3-2 in Premier League sul Bournemouth è stato benedetto dai cori dei fan. “Non se io sia già amato, ma sicuramente hanno capito che sono un grande professionista che dà tutto per il club”. Si schernisce, fintamente, Mourinho. Il Tottenham vola e Dele Alli è il simbolo del momento: doppietta al Bournemouth, un gol
all’Olympiacos. E’ bastata una battuta di Mou, “che fine hai fatto? Finora ho visto giocare
tuo fratello” per rivitalizzare il talento inglese. La ritrovata condizione fisica è una delle
spiegazioni, ma, recita il quotidiano di Milano “Alli si esalta nel copione per linee verticali del Tottenham. I primi due gol hanno la stessa sceneggiatura”. Un ciclone. Undici mesi senza panchina, la telefonata di Daniel Levy la notte del 19 novembre. Il 20 pomeriggio il primo allenamento. Il 23 l’esordio sul campo del West Ham e il 3-2 per il Tottenham. Il 26 il debutto in casa in Champions e gli Spurs demoliscono 4-2 l’Olympiacos. Ieri il tris. Risultati, un gioco più pratico, la resurrezione di Alli. Difficile fare di più in cosi poco tempo.