Torino, Cairo: “Superlega? Perchè non partecipare per merito?”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:59

Notizie Torino, Cairo: “Superlega? Perchè non partecipare per merito?”

Ultime Torino | Urbano Cairo, presidente del Torino, ha parlaot nel corso di un’intervista concessa a margine dell’evento “Sport Civiltà”:

“Con l’Inter sarà una partitissima, molto impegnativa, dobbiamo prepararci per fare una grandissima gara con grande determinazione. Ci sono pochi giorni per prepararci, chi è rimasto ha lavorato con Mazzarri e dobbiamo dare tutto, perché l’Inter è molto molto forte.

Il Toro? Era il 10 agosto 2005 e ricevetti una telefonata di un amico che mi disse che Chiamparino, il sindaco di Torino, voleva incontrarmi perché il club era fallito. Io ho sempre detto la verità: nasco tifoso del Milan, ma la mia seconda squadra è sempre stata il Torino perché mia mamma era una grande tifosa granata e del Grande Torino. Ma sono contento di aver preso il Toro e non il Milan perché ha qualcosa di romantico che nessun’altra squadra ha”.

Notizie Torino, Cairo sulla Superlega

Il presidente ha poi parlato anche della Superlega esprimendo parere sfavorevole e motivando la sua posizione:

“Bisogna conservare l’importanza dei campionati nazionali, una Super Champions favorirebbe soltanto 14 squadre in tutta Europa. Vogliono una Champions League che però si gioca il sabato e la domenica, alla quale non partecipi per meriti ma per diritto divino. Il bello dello sport è proprio la competizione,

L’allenatore che ho più amato? Con Ventura ho avuto un rapporto eccellente. Sono contento per lui che stia ripartendo, ma anche Mazzarri è molto bravo”.