Cagliari, Giulini: “Calciomercato buono grazie a Barella, ora l’Inter m ringrazia”

| 14/11/2019 12:30

Tommaso Giulini, presidente del Cagliari, ha rilasciato un’intervista ai taccuini della Gazzetta dello Sport. Queste le sue parole.
Notizie Cagliari Giulini

Cagliari, parla Giulini: queste le sue dichiarazioni

“Gran mercato? Molto è dipeso da Barella… Per me è stato come il mio quinto figlio in questi anni, mi è spiaciuto talmente tanto venderlo che mi è scattata la molla: senza di lui voglio costruire un centrocampo ancora più forte. E sono arrivati Rog, Nandez, Nainggolan. Per dare un bel gioco a una squadra servono un grande tecnico e un grande centrocampo. Oggi posso dire di averli entrambi.
Ringrazio Barella per quel che ha fatto per noi, e lo stesso dovrebbero fare tutti i tifosi del Cagliari. E cominciano a ringraziarmi anche quelli dell’Inter che prima incontrandomi si rammaricavano di averlo pagato troppo.

Calciomercato Cagliari, sugli acquisti di Nainggolan, Nandez e Rog

Nainggolan l’ho chiamato a luglio, gli ho detto che volevo fare una squadra forte e se era disposto ad aiutarmi. Mi ha risposto: pres, mi dia un mese per provare a convincere Conte, se non ci riesco l’1 agosto sono da lei. Ha firmato il 4, è stato di parola… Ci sta dando un’enorme iniezione di qualità tecnica e di personalità a tutto il collettivo.

Nandez è stato l’acquisto più faticoso da concludere. La trattativa col Boca è stata lunga. Ma Nandez diventerà un top player. È destinato alla Premier League, è perfetto per quel campionato, ma prima deve crescere con noi. Rog era stato un grande investimento, ma non era sbocciato, normale per un grande club come il Napoli provare a rientrare. Noi abbiamo colto l’occasione perché è fortissimo e ringrazio il mio d.s. Carli per l’intuizione. 

Cagliari, da Cragno e Pavoletti a Olsen e Simeone

Nella sfortuna degli infortuni di Cragno e Pavoletti abbiamo avuto l’opportunità che il mercato fosse ancora aperto. Io da ragazzo giocavo in porta, sui portieri sono fissato. Olsen lo conoscevo, è un giocatore di livello internazionale. Robin è un grande portiere. Ha capito subito che qui avrebbe avuto una grande occasione di riscatto. 

Attaccante? Stavamo trattando Simeone e Defrel, quando si è infortunato Pavoletti abbiamo puntato per caratteristiche sul Cholito. Aveva già una trattativa avanzata con la Samp, bravo Carli a partire di corsa per andare a convincerlo. Quando rientreranno Pavoletti e Cragno si giocheranno il posto con gli altri”. 

Continua a leggere