Roma, Zeman: “Senza Totti è di nessuno, Pallotta inesistente”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:30

Notizie Roma Zeman | “La Roma senza Totti è di nessuno. Pallotta non c’è”. Lo dice, senza mezzi termini, Zdenek Zeman in un’intervista rilasciato al quotidiano ‘Il Messaggero’ oggi in edicola. Vediamo nel dettaglio le principali esternazioni del tecnico che come sempre non risparmia nulla e nessuno. Notizie Roma Zeman

Notizie Roma Zeman

A chi domanda se dal suo punto di vista Totti e De Rossi prima o poi torneranno nel club giallorosso, il tecnico boemo risponde: “Penso di sì, ma dovranno esserci le condizioni giuste. Francesco ha dovuto dire basta perché lo utilizzavano solo a scopo pubblicitario. È triste che sia finita così perché per anni è stata la Roma di Totti. Oggi è la Roma di nessuno: il presidente non si sa dove sia. Chi la rappresenta? A Francesco auguro di trovare un ruolo in cui riesca a divertirsi e dare il suo contributo. Non lo vedo allenatore. Daniele, invece, sì. Ha voglia di farlo”. Secondo Zeman, Pallotta non è ancora riuscito a conquistare i tifosi “perché ha ceduto i giocatori con cui avrebbe vinto lo scudetto. E facile, con quei campioni”. Anche il presidente della Lazio, Claudio Lotito, è criticato. “Ha poca ambizione – è il pensiero del tecnico -, come del resto la tifoseria. Si accontentano. La Lazio, però, è Lotito”.

News Roma, la lotta al vertice

Zeman parla anche della lotta per lo scudetto e indica nell’Inter la squadra che può negare il nono titolo di fila alla Juventus: “L’Inter. Oppure il Napoli che però non ha segnato per due partite di fila. Mai successo. Da Ancelotti ci si aspettava di più: l’anno scorso ha conosciuto i calciatori. Adesso tocca a lui”. Ma l’Inter è davvero così distante dai bianconeri? “La rosa della Juve è superiore -risponde Zeman-. Ma Conte se la gioca sul fisico, ha una buona squadra e vuole che i giocatori si comportino come era lui in campo. Un cagnaccio. Lo apprezzo. É tra i pochi che riesce a guidare un gruppo. Gli altri, invece, sono gestori”.