Lazio, Luis Alberto: “Non c’è stata la possibilità di lasciare la Lazio, Fabian è straordinario”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:30

Notizie Lazio, Luis Alberto: “Non c’è stata la possibilità di lasciare la Lazio, Fabian è straordinario”

Ultime Lazio | Luis Alberto, centrocampista della Lazio, ha parlato anche di mercato nel corso di un’intervista concessa a Mundo Deportivo:

Ultime Lazio: parla Luis AlbertoLuis Alberto

“Ritorno in Spagna? Se ne è parlato sempre ed è bello parlare perché significa che le cose sono fatte bene. Penso che non ci sia mai stata la possibilità di lasciare la Lazio. 

Fabian al Barcellona? È normale, Fabian è un ragazzo giovane, un giocatore straordinario, penso che sarà uno dei migliori nella sua posizione. Non solo lo accosteranno al Barça, ma a più squadre. Quello che deve fare è godersi al Napoli ciò che sta facendo e giocare bene. Io al Barcellona? Se verrà Barça, lo ringrazierò. Alla fine dobbiamo competere, stare bene e chi dovrà decidere deciderà”. 

Luis Alberto sulla sua condizione:

“L’anno scorso ho subito un infortunio abbastanza grave che mi ha dato fastidio per gran parte dell’anno e non era nei piani. È stato molto difficile giocare. Ho dovuto saltare molte partite con la mia squadra, la Lazio. È stato molto complicato per me e per la famiglia perché anche loro lo vivono.

Non so se sono una star o no. Quello che voglio è stare bene, continuare a divertirmi, mantenere questo livello il più a lungo possibile, in modo che questa lesione non ritorni, per prevenirla ogni giorno. Voglio essere sempre disponibile per l’allenatore, giocare bene per il mio club.

 Sono andato in prestito a Malaga e Deportivo dal Liverpool, ma quando sono arrivato alla Lazio sapevo che il primo anno sarebbe stato complicato e lo è stato, ma quando mi sono adattato sapevo già che dovevo fare un altro anno, provare il campionato Italiano ancora un anno e ho giocato più di 100 partite con la Lazio. Sto molto bene personalmente e con la famiglia. Barcellona? Per me è stato l’anno migliore. Se guardo al divertimento, penso che sia stato l’anno migliore della mia carriera, nel senso che tu vuoi essere lì, allenarti, competere, giocare.Era molto facile per un giocatore godersi il momento”.