Italia, Mancini: “Finlandia avversario più difficile. Bonucci? Non ci ho parlato”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:30

Italia: le parole di Mancini in conferenza stampa

Roberto Mancini, tecnico dell’Italia, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro la Finlandia. Ecco le sue parole:

Cambio di modulo? Abbiamo ancora due allenamenti, qualche giocatore stanco c’è, chi ha giocato a Erevan torna oggi. Dobbiamo valutare, magari gioca a sinistra, è tutto da vedere. Sull’avversario? Anche loro hanno giocatori che stanno giocando da un po, la loro condizione fisica è migliore. Loro sono una squadra completa e compatta. La partita sarà tosta, ma noi siamo venuti qui per vincere, esattamente come loro. Sul match contro l’Armenia? Qualche errore c’è sempre, quasi impensabile fare gare senza lacune. Il campo mi sembra migliore, probabilmente dovremo fare più attenzione nel non concedere contropiedi. Bonucci? Non ho parlato con lui e non ho neanche preso in considerazione di farlo, avevamo altro da fare. Non so se è stato colpito, l’arbitro era lì e non so se ha visto bene o male. Se ha fatto qualcosa che non andava fatto dovrà fare più attenzione, essendo il capitano. Non l’ho rivisto, sperano non fosse espulso. Sui giovani? È importante qualificarci velocemente, ci dà la possibilità di provare qualche ragazzo con delle qualità, che ci possa essere utile in futuro. Poi dobbiamo vincere ugualmente per il ranking, per il sorteggio del Mondiale. Intesa Bonucci-Romagnoli? Potrebbero giocare con qualsiasi sistema, non è un problema la difesa. Quando si gioca ogni tanto, dopo tanti mesi, ci possono errori di posizione, è prevedibile. Siamo messi bene, dobbiamo solo capire meglio cosa dobbiamo fare. Chiellini è un trascinatore ed è esperto, Romagnoli è più giovane invece, ha tempo”.