Plizzari a Gazzetta: “Ovvio che voglio giocare”

Notizie Milan, parla Plizzari | Alessandro Plizzari, portiere del Milan e della Nazionale U20, ha parlato nel corso di un’intervista concessa a Gazzetta:

Le parole di Plizzari

Rigori? «Merito dei preparatori. Poi ci vuole anche fortuna, eh. Di una cosa sono sicuro: il rigore perfetto non si para. Anche se non ne ho mai tirato uno, io».Mercato Milan Plizzari

Eppure voleva fare l’attaccante da piccolo… «Ero troppo scarso. Mio papà Ezio mi ha convinto a fare il portiere regalandomi i primi guanti per Santa Lucia. Erano quelli con le stecche: se sbagliavi a mettere le mani sulla palla ti diventavano le dita viola».

Piano B? «L’università, ma con molta calma. E poi ho cugini cuochi e camerieri. Magari un giorno mettiamo su un bel ristorante tutti insieme».

Sarà, ma per ora ai fornelli c’è sempre mamma… «Siamo tornati a vivere vicini. La mamma non si batte. Io al limite posso cuocere la pasta con il ragù già pronto (ride, ndr)».

 Donnarumma e Reina da cui imparare. «Due top. Gigio però è inimitabile, ha una fisicità che lo rende unico».

Cessione Donnarumma? «Chiaro che voglio giocare. Nell’anno alla Ternana sono cresciuto stando sul campo. Dopo il Mondiale ci penserò su…».

Intanto il suo amicone Bellanova ha già lasciato il Milan… «Mi spiace, ci conosciamo da quando avevamo cinque anni, abbiamo fatto le vacanze insieme ed è il mio socioacarte. Non vinciamo mai, manco qui in Polonia…».

Errori? «Sul momento devi essere forte. Ma a fine partita rivedo tutto e sono super critico con me stesso. Mi arrabbio, non lo nego».

Immagini come si può essere sentito Karius dopo la finale di Champions del 2017… «Non ne voglio neanche parlare. Quando vedo un collega fare una papera, soffro con lui. Parata preferita? Quella che farò oggi».

 

Scarica l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore