Torino, Cario parla di mercato: “Ora investo”

Urbano Cairo, presidente del Torino, ha parlato dopo il 7o posto in campionato come riportato dalla Gazzetta dello Sport:

 «Non si va in Europa, è vero, ma non accadeva da 14 anni di restare fuori con 63 punti. Anche questo è piccolo record, che però dispiace. A Mazzarri e alla squadra vanno i miei complimenti». Torino Urbano Cairo Report Agnelli

Cairo e le strategie

«È stata una stagione spettacolare, con grandi vittorie e grandi partite nella quale la squadra ha fatto il salto, soprattutto tra l’andata e il ritorno. È stato bravissimo Mazzarri, che è riuscito a dare convinzione e compattezza: l’aspetto che mi ha soddisfatto di più è stata la crescita dal punto di vista della solidità e della convinzione. All’andata si è buttato qualche punto di troppo, ma non voglio tornare sugli episodi arbitrali, poi si sono fatti dei passi in avanti importanti e credo che, con il lavoro di Mazzarri, si potrà crescere ancora. Il Toro può ripartire da qui, cercando il prossimo anno di consolidare questi risultati, provando a fare meglio con dei piccolissimi ritocchi per integrare una rosa già molto forte. Che può essere migliorata con poche cose, da fare con molta cura».

Il discorso scivola sul mercato:

«L’obiettivo condiviso con il mister è conservare tutti i giocatori più forti, cercando di puntellare la rosa con un paio di innesti giusti. Non voglio dire che cosa faremo, perché ora è meglio tenere le carte coperte, ma abbiamo già le idee molto chiare. Sappiamo dove intervenire». Europa League con Milan escluso? «Siamo alla finestra, per ora preferisco astenermi su questo tema».