Napoli, Ancelotti: “Non si può collegare il mio salario ai risultati della squadra, basatevi sulle statistiche invece di chiacchierare. Futuro? Resto qui”

| 27/04/2019 12:49

Napoli, Ancelotti presenta la sfida con il Frosinone in conferenza stampa

Napoli Ancelotti in conferenza| Carlo Ancelotti, allenatore del Napoli, è intervenuto in occasione della conferenza stampa in vista della partita di domani contro il Frosinone alle 12.30. Queste le sue dichiarazioni riportate dalla redazione di Calciomercato24.com.

Queste le dichiarazioni di Ancelotti

“Abbiamo la volontà di chiudere bene questa stagione, vogliamo arrivare secondi e raggiungere questo obiettivo il prima possibile. Domani vogliamo fare una bella partita, vincere e chiudere definitivamente la lotta Champions. Insigne non è neanche convocato, ha avuto un fastidio e dunque è meglio non portarlo proprio a Frosinone. E’ un problema non serio, ma che non gli permette di allenarsi al 100%, ci vuole pazienza e bisogna non arronzare niente. Anche Allan ha un problema all’adduttore, anche lui non ci sarà. Recuperato Albiol, ma non credo partirà titolare.

Insigne? Lui si sta allenando bene, sa benissimo qual’è la strada, non c’è nessun caso e nessun problema. Lui è giustamente rattristito per i molti fischi. Analisi della stagione? Per il momento positiva. Questa squadra mi ha fatto vedere cose buone nella prima parte di stagione, limiti nella seconda. Adesso andiamo avanti con parecchia fiducia, vedo una squadra forte, bisogna lavorare e dovremo limare i limiti nei prossimi anni. Ho trovato la società giusta per quelle che sono le mie idee sul calcio, ho il supporto di tutti qui. Il fatto che parteciperemo di nuovo alla Champions è un ottimo risultato.

Vedo analisi sbagliate, dicono che corriamo male e non possiamo vincere, intanto abbiamo vinto molto spesso correndo molto meno degli altri. Abbiamo vinto 14 partite su 20 correndo meno degli avversari. Il Napoli è primo nella graduatoria per quanto riguarda il livello fisico. Non è corretto collegare il mio salario con i risultati della squadra, io mi preoccupo se la mia società fa questa correlazione. Futuro? Non c’è nessuna voglia di cambiare, anzi sono intento a finire il lavoro iniziato.

La cosa che pesa di più è come siamo usciti dall’Europa League. Ovviamente offriamo prestazioni non fantastiche anche per problemi psicologici che ci sono attualmente. Insigne come si recupera? Bisogna supportarlo e aiutarlo, mettiamolo nelle condizioni ideali per esprimere il suo potenziale, lui è maturo per capire qual’è la strada: lavorare e concentrarci. Mercato? Non abbiamo esigenza di vendere per fare un mercato positivo. Noi lo faremo a prescindere, in base a quelle che sono le nostre idee. Poi se qualcuno vuole andare via non lo costringeremo a restare”.


Continua a leggere