Spalletti dopo Frosinone-Inter a Sky Sport

Luciano Spalletti, tecnico dell’Inter, ha parlato a Sky Sport:

Spalletti a Sky nel dopo partita

“Anche quando non c’è un minimo di pericolo noi andiamo in confusione. Questo è un calcio che devasta dal punto di vista mentale. Si può andare in contro ad una serie di risultati negativi.

Succede un po’ a tutti di andare in vantaggio e abbassare la tensione e la concentrazione. Diventi timido, loro non avevano niente da perdere. Era una gara difficilissima perchè il Frosinone non aveva nulla da perdere. Il loro obiettivo era vincere e fare risultato. Andavano al massimo ed erano liberi di testa. LA partita l’abbiamo cominciata bene ma poi no abbiamo mantenuto il ritmo.

Nainggolan? Dipende da come palleggi basso. Se con la linea difensiva si palleggia fino a centrocampo poi basta poco per arrivare in porta con i centrocampisti, sono 10 metri di corsa. Dipende tutto da come la gestisci e la costruisci la partita.

Terzini? Questa sera ha fatto bene entrare poco nella metà campo avversaria. D’Ambrosio era fuori ed aspettava. La partita andava chiusa prima, ci sono capitati delle situazioni facili per le nostre qualità, bastava poco per arrivare in porta. Non ci siamo andati in maniera giusta. Evidentemente siamo fatti così.

Rigore? Non lo so, è giusto così e li sanno battere. Si passano dei momenti dove dipende dal morale e da altre cose”.