Gennaro Gattuso, tecnico del Milan, si è lamentato ai microfoni di Milan TV in vista della gara contro il Parma

Gattuso Milan Parma | Quello della tutela delle squadre impegnate in Europa è un problema tutto italiano che, non si sa perché, non trova ancora una definizione. Ed il tecnico del Milan ha deciso di dire basta, oggi ai microfoni di Milan TV: “Mi sembra assurdo giocare alle 18.55 e poi fare l’anticipo della domenica. Non voglio polemizzare, visto che in ogni caso ci sarà da battagliare, il Milan è più forte anche di questo e non voglio scuse. Il Parma è forte e quando ribalta l’azione ha dei missili in attacco. Non è un caso che siano al sesto posto, e giocare come contro il Dudelange non basterà”. 

In seguito si è espresso sulla gara di Europa League, evidenziando come partita facili e che sembrano una passeggiata in realtà non esistano ma che tutto sommato la partita abbia dato la possibilità di giocarsi il tutto per tutto ad Atene. Curiosamente, il Napoli di Ancelotti se la giocherà contro il Liverpool, mentre Ringhio tornerà nella capitale greca che vide il trionfo di entrambi con il Milan nel 2005. Ma a questo Gattuso non pensa: “Non lo so. Ci penserò quando andremo là a giocare. Ora penso a recuperare qualche giocatore e fare più punti possibili fino alla sosta. Calhanoglu un ragazzo un po’ particolare. Ha una qualità incredibile ma a livello personale ha bisogno di affetto, di sentirsi importante. Voglio da lui più gol come contro il Dudelange”.