Italia, Kean: “Balotelli? Non so perchè continuate a paragonarmi a lui, siamo troppo diversi”

| 21/11/2018 14:30

Nazionale, Kean e la sua doppia vita: ora cerca squadra a gennaio

Juventus| Kean| Nazionale| Balotell| Moise Kean vive due vite parallele, una alla Juventus e una in Nazionale. Nell’Under 21 ha fatto bene, così tanto da guadagnarsi 15 minuti nella Nazionale maggiore guidata da Roberto Mancini nella sfida di ieri sera contro l’Usa. Il classe 2000 però non riesce a trovare spazio nella Juventus di Allegri e per questo chiede di andare via, per giocare con maggiore continuità e per tenersela stretta questa Nazionale.

Italia, le parole di Moise Kean

Proprio qui, in futuro, potrebbe trovare Mario Balotelli, calciatore che spesso viene usato come metro di paragone per il giovane attaccante bianconero. Di questo ma anche del suo debutto ha parlato proprio Kean alla fine del match giocato con l’USA: “Per me giocare in Nazionale è un’emozione indescrivibile, non me lo sarei mai immaginato di debuttare e di essere qui. Ad essere sincero mi ritengo molto fortunato di indossare questa maglia. Per me giocare per l’Italia significa dare l’anima e il cuore, io voglio farlo. Balotelli? In molti mi paragonano a lui, ma io sono molto diverso da Mario. E’ un bravo ragazzo, ma a dire il vero non capisco proprio perchè continuano a paragonarmi a lui, siamo troppo diversi”.

Insomma non proprio parole d’amore: che sia ‘inizio di una carriera diversa?


Continua a leggere