Sampdoria, Ferrero: “Preferimmo Kownacki a Piatek. Contratto Quagliarella? Ci vedremo dopo le feste”

Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, ha parlato ai microfoni di Radio Marte. Ecco le sue dichiarazioni:

Sul rivale genoano Piatek: “La cosa incredibile è che Piatek era la riserva di Kownacki. Li abbiamo visti tutti e due e decidemmo di prendere Kownacki perché per noi era il titolare. Mi auguro che Piatek duri molto tempo così vedo Preziosi ridere. Mi auguro che il derby possa portare un sorriso a tutti i cittadini di Genova, ma sono sicuro che ci rialzeremo. Forza Genova e forza genovesi”.

Ferrero cittadino onorario di Napoli

Sul Napoli: “Sono italiano e innamorato di Napoli e se mi fate cittadino onorario ne sarei felice. Ditelo a De Magistris, ma a dir la verità anche Aurelio De Laurentiis dovrebbe essere un cittadino onorario. Ho rapporti professionali e ottimi con tutte le società di serie A perché poi la sera ognuno va a casa sua. Dovrebbero essere le grandi squadre a comprare da noi piccole, invece si è capovolto il mondo e siamo noi a comprare dalle big. Anche l’Inter ha avuto uno stop, a noi si è spenta un po’ la luce, è andata via la corrente, ma il blackout mentale poi passerà. Siamo stati un po’ vittime degli episodi”.

Sampdoria stalker Quagliarella

Sul contratto di Quagliarella: “Non scade mai. E’ nel mio cuore e abbiamo un rapporto sereno e dopo le feste ci vedremo. A gennaio decideremo in piena serenità cosa fare: se vorrà rimanere, resterà con noi, se vorrà andare via, lo lasceremo andare. Quagliarella è un campione e per questo non si esaurisce mai”.

Sulle questioni arbitrali: “La Var è molto importante, ma nel dubbio gli arbitri devono andare al monitor perché è meglio perdere 1 minuto per rivedere le immagini. Sbagliare è umano, ma la Var può correggerti e bisogna anche fare attenzione perché anche l’arbitro al Var deve rivedere le immagini in quanto le varie angolazioni potrebbero ingannare. La Var deve essere il terzo occhio dell’arbitro. A volte sbagliano contro la tua squadra, ma a volte può anche capitare che sbaglino a favore tuo. Lasciamo lavorare gli arbitri anche perché Rizzoli è una persona seria e gli arbitri italiani sono seri e importanti. Anche i giovani arbitri sono preparati e siccome abbiamo voluto la Var, lasciamoli lavorare”.