Salvini: “Mi vergogno di Higuain, e lui dovrebbe essere un esempio. Che figuraccia”

| 13/11/2018 15:30

Milan, sotto esame il comportamento di Higuain

Milan Salvini attacca Higuain/ Due giorni dopo la bufera di Milan-Juventus, siamo qui a parlare di uno degli episodi che ha fatto maggiormente scalpore. No, non ci riferiamo nè al mancato rigore sul contatto Chiellini-Romagnoli nè sulla mancata espulsione di Benatia, semplicemente vogliamo focalizzarci sul comportamento di Gonzalo Higuain.

L’argentino p stato colpevole di una reazione a dir poco eccessiva avuta contro il direttore di gara Mazzoleni, per un’ammonizione diventata presto un’espulsione. Dette cose ingiuriose ma soprattutto gesti e atteggiamenti fuori luogo e fuori di testa. In molti hanno provato a calmarlo, sia tra i suoi attuali compagni rossoneri che tra gli ex juventini. Lo stesso Ronaldo, compagno al Real Madrid ha tentato di calmarlo, ma nulla da fare, una furia fino alle lacrime che lo hanno accompagnato fuori dal campo.

Salvini attacca Higuain: queste le sue dichiarazionimatteo salvini non vuole saltare il derby

Dopo sono arrivate le scuse, ma forse era troppo tardi. Almeno per Matteo Salvini, politico e grandissimo tifoso del Milan che così ha commentato il gesto del Pipita: “Mi sono vergognato da milanista del comportamento del nostro centravanti, Gonzalo Higuain: è stato indegno. L’esempio arriva dall’alto: se a casa i ragazzini vedono che puoi andare faccia a faccia con l’arbitro, tu campione che guadagni tanti soldi, allora tutti sentono di poter fare altrettanto. Spero gli diano una squalifica lunga, lunga, lunga: chiedere scusa dopo è segno di ravvedimento, ma uno deve pensarci prima”.


Continua a leggere