Udinese, il procuratore di Scuffet: “Panchina? Provate a dire che faccio io la formazione. Siete dementi”

| 01/11/2018 15:00

Udinese, Scuffet ancora in panchina: il procuratore attacca i giornalisti

Udinese Procuratore Scuffet Velazquez Panchina/ Appena 3 anni fa era visto come l’erede di Buffon, uno dei migliori portieri italiani in quel momento con un futuro roseo. Il tutto si fermò a quel rifiuto all’Atletico Madrid e da là in poi la carriera di Simone Scuffet è cambiata repentinamente.

Questa si pensava potesse essere la sua stagione, quella del riscatto. Alcune prestazioni non all’altezza hanno offuscato le certezze di Velazquez che ha deciso di relegare l’ezx portiere del Como in panchina a discapito di Musso.

Le parole del procuratore di Velazquez

Il procuratore Claudio Vagheggi ha rilasciato una intervista ai microfoni del ‘Messaggero Veneto’ per commentare l’esclusione del portiere dell’Udinese nell’ultimo turno di campionato.

“Adesso Simone cercherà di convincere l’allenatore che merita ancora la sua fiducia: ho parlato con lui, è tranquillo, sa che la concorrenza interna in serie A non può mancare ed è pronto a darci dentro ancora di più in allenamento. Personalmente, sono sorpreso dalla scelta dell’allenatore, credo che Simone si fosse guadagnato il posto con le prestazioni fornite nelle precedenti giornate ma questa è anche una risposta di riflesso, visto che io il procuratore di Scuffet: chi dice che io faccia la formazione a Velazquez è servito. Continuare a sostenerlo anche dopo l’esclusione di Genova vuol dire essere prossimi alla demenza calcistica, non ci sono altre spiegazioni”.


Continua a leggere