La Nazionale della Sardegna ora è una realtà: l’annuncio è arrivato dal CONIFA, la confederazione delle Nazionali indipendenti

Nazionale Sardegna | La CONIFA, lunedì, ha accolto la Sardegna come nuovo membro. L’isola ha quindi la sua Nazionale di calcio.
La Sardegna avrà una sua nazionale di calcio. Lunedì la Confederation of Indipendent Football Associations ha accettato l’isola come nuovo membro.

La CONIFA, è una federazione calcistica alla quale sono affiliate squadre che rappresentano stati senza riconoscimento internazionale, minoranze etniche e regioni e micronazioni non affiliate alla FIFA. Tra le Nazionali ad essa affiliate, anche la Padania, compagine che ha preso parte alle ultime tre edizioni della Coppa del Mondo CONIFA (miglior piazzamento il terzo posto del 2018) e die Coppe Continentali (due successi).

La Sardegna ha coltivato numerosi giocatori nella storia del calcio. Il più famoso e sicuramente il giocatore sardo più forte di sempre è Gianfranco Zola che, con la sua immensa qualità, ha disegnato calcio per parecchi anni.

Pietro Paolo Virdis è una leggenda del Cagliari dove ha disputato quattro stagioni segnando 29 goal. In Serie A invece ha collezionato 365 presenze siglando la bellezza di 102 reti.

I possibili convocati nella Nazionale della Sardegna

Attualmente, ci sono alcuni calciatori di Serie A nati in Sardegna e che potrebbero in linea teorica scendere in campo con la nuova nazionale sarda: il gioiellino è Nicolò Barella ma nella lista sono presenti anche Salvatore Sirigu, portiere del Torino, Marco Sau, Andrea Cossu e Alessandro Deiola del Cagliari, Nicola Murru della Sampdoria e Matteo Mancosu del Montreal Impact.

Per far parte della Nazionale, basta tuttavia sentire un senso di appartenenza per il territorio e infatti, agli ultimi Mondiali Stankevicius, sebbene lituano, ha vestito la maglia della Padania.