Juventus, dopo Marotta: la decisione di AgnelliJuventus Beppe Marotta

Juventus, dopo Marotta:il destino è segnato. Le teoriche strade post Marotta sono due: o un accentramento dei poteri nelle mani del presidente Agnelli o la nomina di un a.d., per così dire, di ruolo, alla Galliani, Gandini, Uva, Gazidis, nomi che rendono l’idea.

Come riportato da La Gazzetta dello Sport, Marotta era un a.d. molto atipico: non un vero dirigente finanziario (per quello c’era Mazzia), ma un grande direttore sportivo al quale era stata riconosciuta una carica di prestigio.

In realtà la categoria degli amministratori delegati dei club europei sfugge a una vera e propria classificazione. Dipende soprattutto dal tipo di rapporto con il presidente (o il proprietario). Ci sono a.d. con pieni poteri e altri con un ruolo diverso. Ci sono a.d. quasi depotenziati, semplici esecutori in squadre dove fa tutto il «padrone».

Ultime Juventus: quale figura?

E ci sono situazioni intermedie che hanno fatto storia: su tutte il Milan di Berlusconi, nel quale nessuno può negare il potere assoluto del presidente-proprietario che però, sia per lo stretto rapporto fiduciario con Galliani, sia perché impegnato extra-calcisticamente, dava fiducia e poteri al tanto per fare nomi.

Restando in Inghilterra, però, l’a.d. del Chelsea è di fatto scavalcato dal potere personale di Abramovich, proprietario che si appoggia alla potenteGranovskaia, direttore lei sì plenipotenziario. Ecco che siriafferma la varietà del ruolo. Naturalmente è più facile che ci sia un a.d. potente nei club quotati in Borsa, vedi il Borussia Dortmund (l’a.d. Watzke l’ha salvato dalla retrocessione nel decennio scorso). Ma non sempre: la Lazio, dove fa tutto o quasi Lotito, non ha un a.d. Mentre la Roma, con la sovrapposizione di competenze tra Baldissoni e Gandini, ne ha avuti in pratica due in questi anni. Più difficile trovare un a.d. così potente in Spagna.

Gli a.d. plenipotenziari, oggi, si possono trovare più facilmente in Premier. Qui ricchi proprietari stranieri si appoggiano a grandi manager, liberi di agire entro i confini del mandato: Woodward (United), Ferran Soriano (City), Gazidis (Arsenal, prima di andare al Milan dove con tutta probabilità confermerà il modello) sono coloro che gestiscono i club.