Stefano Pioli, allenatore della Fiorentina, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della gara contro l’Atalanta: l’obiettivo è dimenticare l’Inter

Notizie Fiorentina Pioli | Ecco quanto dichiarato dal tecnico viola: “Le scorie ce le siamo lasciate alle spalle mercoledì mattina, abbiamo analizzato le situazioni sulle quali possiamo incidere. Non parlare degli episodi. E’ cambiato l’utilizzo del Var, ci interessa che venga applicato il regolamento. Non devono essere i giocatori a chiamare il VAR. Ma noi pensiamo a giocare, abbiamo una partita difficile, ma molto importante.

Simeone sta bene. Per stare ad alti livelli, ci vuole sacrificio, ma Giovanni lo sa. Abbiamo affrontato avversari che ci hanno creato difficoltà, ma ha sempre giocatore per la squadra. È pronto per giocare dall’inizio domani.

La gara di Milano ormai è acqua passata. Stiamo pensando da giorni ormai all’Atalanta. Noi vogliamo solo che il regolamento sia semplicemente applicato. I miei ragazzi sono concentrati. Ho visto un gruppo attento e voglioso di fare bene. L’Atalanta ha grande qualità e sappiamo che non sarà facile per noi domani. “Vogliamo migliorare la nostra classifica. I miei ragazzi sono in un buon momento di condizione e dopo l’ Atalanta e la Lazio avremo anche modo di rifiatare un po’. 

Sembra la squadra adesso sia in un buon momento di condizione. Dobbiamo tenere duro contro Atalanta e Lazio, poi avremo un po’ di tempo per rifiatare dopo la sosta. 

In queste partite penso di aver fatto 2-3 cambi rispetto al blocco, ma non saranno legati a calciatori in particolare. Stanno tutti bene, tutti possono giocare, ho tanti dubbi. Siamo solamente all’inizio del campionato, non voglio esasperare i miei giocatori. 

La nostra caratteristica principale è di essere sempre positivi in fase offensiva, ne abbiamo la qualità. Finché le occasioni da gol sono maggiori Contratto? Non è il mio pensiero, quando ho scelto la Fiorentina e Firenze speravo di trovare serietà, passione, fiducia, entusiasmo, sono felice qui. Se e quando la società vorrà discutere il rinnovo del mio contratto, io sarò disponibile. 

Mondiali ciclismo? Faccio un bocca al lupo al mio amico ct Davide Cassani, hanno uno strappo simile al nostro di domani. 

Della Valle? C’ho parlato prima dell’allenamento, mi ha detto le sensazioni che ha vedendo lavorare la squadra, i ragazzi sono molto contenti quando Andrea viene al centro sportivo, ci fa molto piacere, è una presenza importante. 

Il nostro percorso è solamente al 30-40%, ci vorrà tempo. È troppo presto, dobbiamo restare concentrati, la squadra mi dimostra voglia di lavorare, ci sono giocatori che non conoscono il loro definitivo potenziale, questo passa attraverso il nostro lavoro, la nostra dedizione. 

Non siamo una squadra che gioca male. Dobbiamo giocare bene per vincere, ma occhio, giocare bene significa anche essere attenti quando non abbiamo la palla e siamo in fase difensiva, dobbiamo essere più forti e determinati. 

Pjaca e Mirallas sono vicini al 100%, più giocano, più s’allenano, più migliorano. Cresceranno ulteriormente, poi è chiaro che non tutti arrivano al 100% e non per tutta la stagione. Biraghi? Non ho visto giocatori particolarmente affaticati, ripeto”.