Ultime Nazionale, Caressa sta con Mancini: il suo commento

Ultime Nazionale Caressa Mancini/ Fabio Caressa, giornalista e direttore di Sky Sport, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito all’ultimo impegno della Nazionale di Mancini, andata in scena ieri contro il Portogallo.

Le parole di Fabio Caressa

“Io sto con Mancini. Nell’analisi bisogna distinguere tra l’emotività e la razionalità. Ci troviamo di fronte ad un allenatore che sta cercando una gestione che non può essere a 7 giorni o ad un mese. In questo caso sarà a due anni, da adesso deve prevedere l’Europeo del 2020. In mezzo c’è la Nations League, ma noi non non possiamo pensare di arrivare nelle prime quattro, sarebbe stato un caso fortuito. Cosa stiamo cercando di fare? Di ricostruire dove c’erano delle macerie. Mancini sta cercando di ricostruire le fondamenta di quel palazzo, ma non può essere accusato di aver fatto come chi quel palazzo lo ha fatto crollare. Non è così, sarà diverso se arriverà a fine gestione con un grande insuccesso. Per costruire una squadra c’è bisogno di giocatori che si adattino allo spirito di squadre che sto costruendo. Abbiamo chiesto tutti la ricostruzione…non pensiamo che la ricostruzione della Germania, del Belgio non sia durata alcuni anni.

I centri federali? Funzionano se strutturati come in Francia. Ma se i top club italiani non mandano i migliori giocatori, a che servono? Paradossalmente a me il primo tempo contro il Portogallo è piaciuto perché ho visto il “germe” di quello che vuole fare Mancini: è una squadra che vuole andare a prendere gli avversari alti, vuole giocare in maniera spregiudicata perché tanto non c’è niente da perdere. Ma per farlo ha bisogna di coesione, tranquillità e fiducia e di “gamba”: cose che in questo momento non ci sono. 

Calciomercato24.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici qui