Il Milan, e con lui i suoi tifosi, è in ansia per la sentenza dell’UEFA sul rispetto di canoni finanziari, che potrebbe prevedere l’eliminazione dalle coppe europee

milan sentenza fair play

Milan sentenza fair play | La situazione rossonera è in un particolare momento di difficoltà: mentre incombe la scure dell’UEFA e dei suoi parametri finanziari, neanche all’interno della stessa società c’è tranquillità. Yonghong Li non ha versato i 32 milioni necessari per portare a termine l’aumento di capitale, somma di cui si è fatto carico il fondo Elliott che ha ancora un po’ di tempo prima di estromettere definitivamente l’uomo d’affari cinese dall’organigramma societario. In attesa di capire chi sia il Mister X che vuole rilevare l’intera società.

La sentenza della Camera giudicante di Nyon, che qualcuno aveva ipotizzato potesse arrivare anche entro questa settimana, verrà emessa in realtà solo con la prossima. Ma i risultati sono già prevedibili. Secondo quanto emerge dalle indiscrezioni riportate dalla Gazzetta dello Sport, la punizione sarà durissima: multa da circa 30 milioni ed esclusione dalle coppe europee per due stagioni, non una come invece si poteva pensare fino a qualche giorno fa.

Non sarebbe il primo caso del genere (anche gli svizzeri del Sion vennero estromessi per due anni, i kazaki dell’Irtysh addirittura per tre), ma rappresenterebbe una prima volta in assoluto per una società di primo livello, che ha fatto la storia del calcio europeo e mondiale.