Milan, scoppia il caos tra i dirigenti: rottura tra Fassone e Mirabelli, non si parlano più

Milan, Mirabelli e Fassone non si parlano più: il ds con le ore contate

Massimiliano Mirabelli, direttore sportivo del Milan, sta attraversando il periodo più difficile da quando ha assunto l’incarico di dirigente dei rossoneri. Le indiscrezioni sul suo futuro sono davvero tante, a partire soprattutto dai suoi possibili sostituti ( da Giuntoli a Sabatini, passando per Monchi). Secondo quanto appreso da calciomercato.comda qualche mese è sceso il gelo con l’amministratore delegato Marco Fassone: i due fautori del faraonico calciomercato estivo del Milan sono alle strette, quasi non si rivolgono più la parola. L’uomo che lo aveva scelto in tempi non sospetti, affidandogli un incarico determinante in uno dei club più importanti al mondo, per via di una  grande competenza tecnica dimostrata negli anni vissuti insieme all’Inter.

Rottura definitiva?

 Negli ultimi mesi qualcosa non è andato nel verso giusto. Questione di vedute diverse sulla gestione dei rapporti con gli agenti, specialmente con Mino Raiola. Il rapporto è ridotto ai minimi termini nonostante il vertice di ieri a Milanello con l’allenatore. Anche sulle ultime strategie di mercato non si è registrata una grande comunione d’intenti, con diversi giocatori sedotti e poi abbandonati per imposizioni che arrivavano dall’alto. Mirabelli manca ormai da parecchio tempo anche al centro sportivo rossonero, dove prima era stazionato abitualmente.