Fiorentina, Pioli ha anticipato i temi della gara di domani contro il Sassuolo partendo dalle discussioni per le decisioni arbitrali di mercoledi sera.

fiorentina pioli

Fiorentina, Pioli – “Dobbiamo fare un passo avanti sotto il punto di vista della cultura sportiva. C’è chi si lamenta dall’inizio anno, non è questo il modo di comportarsi, credo siano altre le sedi dove casomai si possono fare certi confronti. Non voglio giudicare nessuno, ma ho le mie idee e il mio modo di essere: voglio essere coerente con me stesso”. Così Stefano Pioli, allenatore della Fiorentina, commentando le polemiche innescate dalla Lazio anche dopo la partita vinta a Firenze mercoledì per 4-3. Polemiche che hanno avuto strascichi anche ieri.

Ultime Fiorentina, le parole di Pioli

“In Italia e mi dispiace dirlo facciamo fatica a cambiare mentalità e a migliorarci – ha continuato il tecnico –. Ci lamentiamo tanto e poi ci chiediamo perché non siamo al Mondiale, non è solo colpa dei risultati sul campo”. “L’altra sera non ho dormito non perché avevamo perso con la Lazio, anche se avremmo meritato di più, ma perché già pensavo alla trasferta con il Sassuolo, una gara cruciale, molto importante e questo i miei giocatori lo sanno: da qui alla fine mancano ormai pochissime partite, è il momento di dare tutto quello che abbiamo”.

Una gara che conta per la volata finale per l’Europa League. “Perché la Fiorentina meriterebbe di raggiungere questo traguardo? Per tutto il lavoro finora fatto, per le situazioni sofferte e per quanto ha saputo fare per superare ogni difficoltà – ha risposto il tecnico viola – Al di la’ della tragedia di Astori, è giusto dare merito ai miei giocatori per quanto fatto, siamo forti, abbiamo cuore e non solo. Ecco perché è importante dare il massimo fino al 20 maggio e poi vedere cosa succederà”.