Mirko Bertoncini, un passato ad Empoli, da calciatore a venditore di aspirapolveri: “Capita, a 29 anni quando giochi in Serie C, che tu debba guardarti intorno”

da calciatore a venditore di aspirapolveri

Calciatore venditore aspirapolveri | Dai campi della Serie B al porta a porta. È la storia di Mirko Bertoncini, eletto miglior venditore di aspirapolveri dell’anno per due volte consecutive. Circa 120 “Folletto” al mese, per un totale di 1500 elettrodomestici: una vera e propria piccola impresa che l’ex calciatore sta conducendo con passione. Ha esordito in Serie B con l’Empoli nel 2005, poi un interminabile girovagare l’Italia, tra Serie C e Serie D, fino all’età di 29 anni. “Arrivato ad una certa età, capisci che non sarai il nuovo Totti, e allora ti guardi intorno. Ho cominciato questa sfida un po’ per gioco, poi ho capito che sono bravo in quello che faccio. D’altro canto la vita del calciatore non ti consente di creare una realtà familiare stabile, invece adesso le cose vanno molto meglio”, afferma Bertoncini.

Record di vendite nel 2016 e nel 2017

“Ero un terzino sinistro”, continua ai microfoni di Repubblica, “di buone speranze ma quando un calciatore di 29 anni è in serie C deve cominciare a porsi delle domande sul suo futuro. È stato mio suocero a dirmi se volevo provare e io, visto che avevo un problema al ginocchio e che nelle serie minori ci sono tante difficoltà societarie, ho voluto provare”.