Mario Balotelli continua la sua battaglia contro il razzismo. Ai microfoni di So Foot si è espresso ancora una volta sull’argomento

calciomercato milan balotelli

Balotelli razzismo“In alcuni stadi mi è stato urlato che non esistono neri italiani, io sono la conferma del contrario. Anche se c’è da dire che a causa di una legge sbagliata lo sono diventato effettivamente solamente a 18 anni. Qualcuno ancora oggi vede il nero come il colore del diverso. Se fossi stato bianco di sicuro avrei avuto meno problemi”, ha detto l’attaccante del Nizza ai microfoni di So Foot.

Anche se, occorre dirlo, l’attaccante ammette che avrebbe comunque fatto degli errori, così: “Avrei comunque forse combinato qualche casino, sbagliato qualche atteggiamento. Ma mi avrebbero perdonato più in fretta. I razzisti ci sono, ma l’Italia in genere non è un paese razzista”.

Spera che in futuro le cose possano cambiare per il meglio. “Il cambiamento è nelle nostre mani, bisogna insegnare alle prossime generazioni che siamo tutti uguali nonostante qualche apparente diversità. Senatore della Lega? Quel signore è stato strumentalizzato senza rendersene conto. Il pensiero giusto è che esistono neri italiani o meglio italiani e stop”.

Calciomercato24.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici qui