Una delle grandi tematiche che sta accompagnando queste ore di sofferenza sportiva per il calcio italiano, è la mancanza di strutture. In tale ottica la Sampdoria potrebbe presto diventare un’eccezione positiva.

Sampdoria, sguardo al futuro: novità per il centro di Bogliasco

Come riportato dalla Gazzetta dello Sport, il centro sportivo Mugnaini a Bogliasco è un cantiere in opera. Ruspe, escavatori, mucchi di terra, campo interdetto ai tifosi. Sta nascendo infatti un impianto completamente nuovo, una sorta di sogno che si trasforma in realtà e che consentirà alla squadra blucerchiata di disporre finalmente di strutture davvero di alto livello.

I campi a disposizione sono già tre (su uno, in sintetico, sono tornate a giocare le partite casalinghe le formazioni giovanili), e in futuro potrebbero diventare quattro. Poco più in basso c’è casa Samp, la sede dell’Academy per le giovanili, dove, comunque la prima squadra, e spesso pure la dirigenza, vanno a pranzare quando c’è in programma un doppio allenamento. In un prossimo futuro, scendendo ancora, si potrà trovare la nuova sede del club. Tutto il mondo blucerchiato concentrato in poche centinaia di metri, insomma.

Il punto forte, però, sarà la struttura del Mugnaini. L’attuale campo principale è già stato privato dell’inutile pista di atletica ed è stato spostato verso monte di cinque metri. La vecchia gradinata è stata cancellata e verrà ricostruita con criteri più moderni. Dal lato opposto rispetto all’attuale spogliatoio sorgerà una palazzina completa di tutto. Sul retro ci saranno i parcheggi, al piano terra magazzino spogliatoio magazzinieri e massaggiatori, poi quello riservato all’allenatore completo di ufficio, l’area preparatori, quella per la tattica e la sala riunioni.

Quindi, dove la struttura si allarga in corrispondenza con lo spigolo del campo, la zona massaggi, l’area riabilitativa, l’infermeria, la palestra e lo spogliatoio della prima squadra. Al piano superiore la zona relax, con bar, sala giochi e zona ristoro. In fondo al campo delle giovanili, dove c’erano alcuni vecchi spogliatoio ed un bar, sorgerà un’altra palazzina, con la struttura per le giovanili. Tre spogliatoi per le squadre, due per gli arbitri, infermeria e bar a piano terra. Un terrazzo, un altro spogliatoio ed una palestra al primo piano.

Tutto nuovo, moderno, fruibile. La vecchia palazzina, invece, verrà riadeguata e diventerà un business center, con l’area per il marketing e quella per la comunicazione. Sparirà l’attuale palestra e sorgerà una gradinata per i tifosi. Da lì potranno guardare il sogno e immaginare un futuro da favola. Sperando che i blucerchiati siano solamente i pionieri di tale novità: l’Italia calcistica ne ha un gran bisogno…