Corriere della Sera – Izzo: associazione mafiosa e frode sportiva, rinvio al giudizio

| 04/11/2017 13:30

Come riporta Il Corriere della Sera nell’edizione odierna, Armando Izzo, è stato accusato di associazione mafiosa e frode sportiva, ma con rinvio al giudizio.

Il ritorno

Appena rientrato dalla lunga squalifica, il difensore è anche tornato al gol, proprio contro il Napoli squadra della sua città, dove è cresciuto e ne è tifoso. Ieri Armando Izzo è stato rinviato a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa e frode sportiva L’accaduto risale a quando Izzo vestiva la maglia dell’Avellino nel 2014 insieme a Pini e Millesi, suoi ex compagni di squadra. Izzo si sarebbe fatto convincere dal boss di Secondigliano a combinare le partite. La partita indagata è Avellino-Reggina, in quell’occasione il boss, avrebbe offerto 50mila euro ai tre calciatori.


Continua a leggere