Nacque attaccante, poi arretrò il suo raggio d’azione. Alberto Bigon, per tutti Bibi, ha giocato in squadre importanti come Napoli, Milan e Lazio nella sua carriera da calciatore terminata nel 1984, a Vicenza. Poi ha intrapreso il percorso da allenatore, interrotto quasi dieci anni fa. Oggi si racconta sulle colonne della Gazzetta dello Sport.

Bigon, lei ha cominciato come centravanti con il numero 9, poi ha giocato sempre più indietro: si sente il primo «falso nueve» italiano?

«Nel mio debutto al Milan ho segnato 14 gol, poi ho messo la retromarcia. Mi definivano un centravanti arretrato come Hidegkuti ed ero orgoglioso. Sono stato il primo “falso nueve” in Italia, ma ero un universale: ho fatto anche il libero».

Vede un Bigon oggi?

«Palacio, che ha tecnica, gioca ovunque e si smarca benissimo».

C’è una partita che vorrebbe cancellare?

«Quella del 1973 a Verona, quando perdemmo lo scudetto della stella. Scappai a piangere di nascosto nella doccia».

E una che vorrebbe rigiocare?

«Quella del 1979, contro il Bologna, quando finalmente conquistammo la stella. La vorrei rigiocare anche perché allora non giocai per infortunio. Una beffa perché in quella stagione, per i problemi di Rivera, ero io il capitano. Fu la seconda e ultima volta in cui piansi per il calcio, ma allora di gioia».

Dallo scudetto in campo con il Milan a quello in panchina con il Napoli: che cosa le è rimasto dell’avventura con Maradona?

«Ricordi bellissimi, tanto è vero che a Napoli mi sento a casa. Partimmo subito forte vincendo le prime due partite senza Maradona. Avevo una grande squadra perché oltre a Maradona c’erano Ferrara, Francini, Alemao, De Napoli, Crippa, Carnevale, Careca, Mauro e il giovane Zola che mi dà ancora del lei e ripete che ha imparato di più in due anni con me che nel resto della sua carriera».

Che rapporto aveva con Maradona?

«Buono. Quando c’è stata la festa di Ferrara mi ha abbracciato. Ma già che ci siamo vorrei aggiungere una cosa».

Dica…

«Mi dispiace essere famoso solo perché ho vinto con Maradona. Prima avevo fatto due campionati strepitosi a Cesena, lanciando Rizzitelli, Bianchi e Seba Rossi: fu un’impresa».

Immaginava che sarebbe passato così tanto tempo prima di rivedere un Napoli da scudetto?

«No, ma questa può essere la stagione buona, anche se io quella parola non la voglio pronunciare».

Che cos’ha il Napoli più delle altre squadre?

«L’allenatore migliore. Sarri ha capito che Hamsik è il giocatore più importante, quindi fa bene a toglierlo per risparmiarlo. Il Napoli gioca meglio di tutti, merita di interrompere la serie della Juve e sarei doppiamente felice se Mertens vincesse la classifica dei cannonieri».

Sarri è stato paragonato a Sacchi, è d’accordo?

«Sarri si sta dimostrando molto più bravo, perché Sacchi aveva tanti fuoriclasse, come i tre olandesi, Baresi, Maldini e Donadoni, mentre lui ha ottimi giocatori, non campionissimi».

Può essere un rischio la panchina corta o l’esaltazione dell’ambiente?

«Sono stato a Napoli e mi pare che in città ci sia una nuova maturità. Mi preoccupa più l’infortunio di Milik. De Laurentiis merita un monumento per quanto fatto, correrà ai ripari».

Più forte il suo Napoli o questo?

«Questo tecnicamente è più forte, noi però avevamo un mix perfetto di dinamismo, tecnica, forza fisica e tattica, più un certo Maradona: era la ciliegina, ma c’era una bella torta».

Chi vincerebbe quindi?

«Sarebbe una bella sfida, ma io saprei come vincerla. Lascerei giocare il Napoli di Sarri e poi punterei su un bel contropiede dando la palla a uno a caso, con il numero 10…».

E così la accuserebbero di essere un catenacciaro…

«Ma io sono fatto così. E non mi pare che il mio Napoli abbia vinto facendo catenaccio».

Per chi tifa oggi?

«Ho sempre tifato Milan, perché ero ragazzino quando Rocco dalla mia Padova passò al Milan. Il Napoli, però, occupa un posto particolare nel mio cuore, perché lì ho vinto e poi anche mio figlio Riccardo ha lavorato per il Napoli. Molti giocatori di adesso li ha portati lui, da Reina a Koulibaly, da Callejon a Mertens, da Jorginho a Ghoulam».

Mentre il Napoli è in testa, il Milan è lontano, come lo spiega?

«Invece di prendere tre giocatori buoni, ne hanno presi troppi e non così buoni, a parte André Silva che per me è bravissimo. Montella ha bisogno di tempo, ma se arriva al quarto posto fa un’impresa».

Pochi ricordano che lei ha vinto anche in Svizzera, a Sion…

«Era il 1997, quando vinsi campionato e coppa. Anche quello era il secondo titolo del club che poi non ha più vinto, come il Napoli, per cui posso dire di avere vinto il 50 per cento dei campionati di Napoli e Sion».

Le piacerebbe andare alla festa del Napoli?

«Certo che mi piacerebbe, ma prima bisogna mettere al sicuro quella parola che sono riuscito a non pronunciare mai in questa intervista. E mi creda, non è stato facile».