Liverani: “De Maio è anche uomo spogliatoio, Falletti e Avenatti possono crescere”

| 31/07/2017 17:40

Fabio Liverani, allenatore della Ternana, ha rilasciato un’intervista ai colleghi de Il Resto del Carlino.

Le parole di Liverani:

“Nuovi acquisti del Bologna? De Maio arrivò al Genoa dal Brescia e ci fece subito capire una cosa importante. Che aveva tanta voglia di sfondare e diventare protagonista, fu chiaro fin dal primo giorno di ritiro. Aveva bisogno di tempo per ambientarsi nella nuova categoria, ma diede subito il massimo e in quella stagione costruì le condizioni per diventare un uomo mercato l’anno successivo. Poi è sempre stato un crescendo, tranne che alla Fiorentina l’anno scorso dove però c’erano già automatismi consolidati ed era un po’ chiuso. Un ragazzo eccezionale, una persona serissima sul piano professionale, un tipo silenzioso, ma di grande valore e utilità all’interno di uno spogliatoio. In realtà credo che soprattutto Falletti si possa trovare ancora più a suo agio nella massima categoria, per le sue caratteristiche. Sa saltare l’uomo, ha qualità tecniche e impiegato tra le linee può fare molto male. Va aiutato perché ha bisogno di sentirsi protagonista, ma può essere l’elemento giusto per fare la differenza”.

E cotninua:

“Con il  4-2-3-1 Falletti può giocare al limite anche a sinistra, ma soprattutto dietro la punta, che potrebbe benissimo essere Avenatti. io sono convinto che lui sfrutti la sua fisicità al 30%, ancora. E’ quello il salto di qualità che deve fare: un ragazzo di un metro e novanta con la sua tecnica è raro vederlo, se impara ad usare il corpo per avvantaggiarsi, in A ci può stare benissimo. Lo fa troppo poco. Può giocare anche al fianco di Mattia, ma in quel caso servirebbe un modulo diverso perché con due punte un po’ statiche, bisognerebbe mettere un uomo alle loro spalle, diciamo un 4-3-1-2. Ma Donadoni sa benissimo come fare, e se Falletti e Avenatti lo seguiranno, potranno crescere molto”.

 


Continua a leggere